342 America

Focus On

342 America (1951)


Sarebbe improprio parlare della 342 America senza far riferimento al modello 340 America, vettura che entrò in produzione nel 1951 e fu costruita in una piccola serie di poco più di venti esemplari. Tuttavia, su queste automobili furono installate una sorprendente moltitudine di carrozzerie differenti, che partirono con uno sviluppo del classico stile "barchetta" realizzato dalla Carrozzeria Touring. In seguito vennero le austere coupé a tre volumi disegnate da Ghia e tra queste, inframmezzate qua e là, una selezione d'interpretazioni proposte da Vignale. Una 340 America carrozzata Vignale vinse la Mille Miglia del 1950, con alla guida Villoresi e Cassani. Vignale diede i natali anche ad un esemplare unico di 340 America cabriolet che sfortunatamente non esiste più nella sua forma originale, poiché qualche anno fa quel corpo vettura fu tagliato e presentato come rottame durante un tentativo di frode ad una compagnia assicuratrice. La parte rimanente della vettura fu quindi ricarrozzata con uno stile simile a quello delle Vignale spider.

Tutti i modelli nelle serie 340 e 342 America, sia quelli destinati ad uso stradale sia quelli realizzati per le competizioni, ebbero i numeri di telaio in cifra pari solitamente riservati alle macchine da corsa, anche se gli ultimi esemplari prodotti furono senza dubbio delle automobili stradali. La produzione della serie 340 occupò parte del 1952, anno in cui fu introdotto il modello 342 America. Anche se il cambio nella sigla della vettura, che si riferiva alla cilindrata unitaria, avrebbe dovuto indicare un incremento nella cubatura del propulsore, le cose in effetti non andarono proprio così. Il motore rimase essenzialmente la stessa unità da 4,1 litri già installata sul modello 340, ma si poteva distinguere grazie alla diversa configurazione dell'insieme formato dai carburatori e dal filtro dell'aria.

Le 340 e le 342 America furono le prime Ferrari stradali ad essere equipaggiate con il motore progettato da Aurelio Lampredi. In precedenza, Lampredi aveva già ideato e raccolto notevoli successi con i propulsori di numerose monoposto e della 275 S, un modello Sport da competizione realizzato nel 1950. In particolare, ci fu l'unità motrice V12 da 4,5 litri della 375 che nel 1951 portò Froilan Gonzales a conquistare la prima vittoria della Ferrari in un Grand Prix, sull'autodromo inglese di Silverstone. Di notevole rilievo anche il motore due litri "500" a quattro cilindri, con cui Alberto Ascari vinse il Campionato Mondiale Piloti nel 1952 e nel 1953. I propulsori V12 disegnati da Lampredi erano di solito chiamati "long block", per differenziarli dai progetti originali di Gioachino Colombo. L'origine di questo soprannome, deriva dalla distanza esistente fra il centro dei cilindri limitrofi (o il centro dei bottoni di biella) sulla medesima bancata del motore: nelle unità motrici di Colombo tale distanza era di 90 mm mentre in quelle di Lampredi era di 108. Di conseguenza, in questi ultimi la lunghezza del blocco motore subiva un incremento. La maggior spaziatura fu resa necessaria dall'esigenza di poter incrementare l'alesaggio e di incorporare una particolarità presente nel progetto di Lampredi: le camicie dei cilindri di tipo umido avvitate direttamente nella testata.
Come per il propulsore disegnato da Colombo, l'unità motrice progettata da Lampredi era dotata di singolo albero a camme in testa per ogni bancata di cilindri.

Le 340 America destinate alle competizioni erano equipaggiate con la versione del motore V12 da 4,1 litri, dotato di lubrificazione a carter secco, con alesaggio e corsa di 80mm x 68mm. Le vetture intese per utilizzo stradale, invece, avevano la lubrificazione a carter umido, abbinata ad un cambio a cinque velocità che trasmetteva il moto al ponte rigido posteriore. I modelli 342 America avevano le stesse misure dell'alesaggio e della corsa, mantenevano la lubrificazione a carter umido ma erano abbinate ad un nuovo cambio a quattro velocità completamente sincronizzato. L'ultimo esemplare prodotto di questa serie fu, in effetti, equipaggiato con un motore da 4,5 litri. Nonostante ciò, mantenne la sigla 342 tipica del modello.

La 342 America fu prodotta per un periodo relativamente breve durante la fine del 1952, e ne furono costruiti solamente sei esemplari: uno di questi ebbe una carrozzeria cabriolet di Vignale mentre tutti gli altri furono carrozzati in modo abbastanza omogeneo da Pinin Farina, sia in forma di coupé sia in forma di cabriolet. Furono tutti realizzati su un telaio in tubolari d'acciaio con un passo di 2650 mm contro i 2420 mm previsti per la 340 America, ed erano anche contraddistinti da carreggiate anteriori e posteriori leggermente più abbondanti.

Il numero uscito nel settembre 1952 della rivista americana Road & Track, mise alla prova una Berlinetta da competizione 340 America carrozzata da Vignale. Fu registrata un'accelerazione da zero a 96 chilometri orari in 6,1 secondi, da zero a 160 km/h in 15,5 secondi e 15,45 secondi furono sufficienti per coprire la distanza di un quarto di miglio con partenza da fermo. Questi dati si univano ad una velocità massima dichiarata dalla casa di oltre 240 km/h, un dato che oltre mezzo secolo fa era davvero impressionante.

Usato garantito Ferrari

Cerca le vetture Ferrari Approved usate e garantite

FerrariStore.com

Entra nello shop ufficiale Ferrari

Ferrari Genuine

Accessori e pezzi di ricambio originali

Corse Clienti

Segui i campionati Ferrari Challenge

Ultime notizie

23 apr 2014

Maranello - La Ferrari California T è stata premiata come più bella auto sportiva di Cina agli “Oscar dell’Automobile” di Pechino.

20 apr 2014

Maranello - Doppio debutto al salone di Pechino per la Ferrari che in un’affollata conferenza stampa ha presentato il proprio logo celebrativo dell’anno del Cavallo in Cina e la nuova Ferrari California T, ultima nata della Casa di Maranello.

18 apr 2014

Tokyo - La Ferrari California T ha fatto ufficialmente il proprio debutto in Asia dopo che a marzo era stata presentata al Motor Show di Ginevra. Oltre 400 ospiti, tutti grandi appassionati, sono intervenuti all’evento che si è tenuto in un esclusivo luog

15 apr 2014

Roma - La Samocar, azienda leader nel centro Italia nel settore delle automobili sportive e di lusso, con i marchi Ferrari e Maserati, presenta la sede rinnovata a Roma.

13 apr 2014

Tappa 5: Valence-Marseille: 12 Aprile - Ogni cosa, anche la più bella, ha una fine: il Tour Auto è arrivato nella sua destinazione finale, Marsiglia, ieri nel tardo pomeriggio.

12 apr 2014

Tappa 4: Aix les Bains-Valence: 11 Aprile - Il Tour Auto Optic 2000 offre anche l’opportunità per alcuni fortunati clienti e partner di guidare le automobili moderne lungo le più belle strade di Francia.

11 apr 2014

Maranello – Inaugurato questa mattina dal presidente della Ferrari Luca di Montezemolo e dal sindaco di Maranello Lucia Bursi il nuovo grande edificio che completa il Museo Ferrari con l’ufficio informazioni e accoglienza per i turisti...

11 apr 2014

Tappa 3: Mulhouse- Aix les Bains: 10 Aprile - Per la terza tappa che ha portato le auto in gara da Mulhouse ad Aix les Bains, il concessionario Ferrari Charles Pozzi ha accettato di farci vivere una giornata del Tour Auto a bordo di una mitica Ferrari...

10 apr 2014

Maranello - Nell’ambito delle iniziative legate alla formazione continua per il management della Ferrari ieri nel tardo pomeriggio si è svolta Maranello una lezione del professor Romano Prodi...

10 apr 2014

Maranello – Ferrari è la prima Casa automobilistica al mondo a dedicare ai propri clienti un esclusiva formula che prolunga la normale copertura offerta dalla Garanzia Commerciale Ferrari fino a...

10 apr 2014

Tappa 2: Dijon-Mulhouse: 9 Aprile - Gerald Wery, giornalista per la televisione belga RTBF, è un uomo fortunato.

09 apr 2014

Tappa 1: Paris-Dijon: 8 Aprile - La partenza della 23esima edizione del Tour Auto è stata data ufficialmente martedì mattina al Castello di Vaux le Vicomte.

08 apr 2014

Maranello - La Ferrari ha definito il premio di produzione per il 2013 che ammonta a 4.096 euro, il più alto mai erogato nella sua storia.

08 apr 2014

Premiere della California T: Grand Palais: 7 Aprile - Quale palcoscenico migliore del Gran Palais di Parigi per il debutto in terra francese della California T, l’ultima creazione della Ferrari?

07 apr 2014

Wiesbaden – Venerdì 400 ospiti entusiasti da tutta la Germania hanno reso omaggio all’ultima creazione di Maranello, la Ferrari California T

07 apr 2014

Parigi - Quale palcoscenico migliore del Gran Palais di Parigi per il debutto in terra francese della California T, l’ultima creazione della Ferrari?

04 apr 2014

Manama – E’ stato l’Hotel Ritz Carlton di Manama ad ospitare il lancio della 458 Speciale in Bahrain, in una serata organizzata per i suoi clienti dall’importatore locale Euro Motors...

Ferrari S.p.A.- sede legale: via Emilia Est 1163, Modena (Italia) - capitale sociale Euro 20.260.000 - p.i./codice fiscale 00159560366
Iscritta al registro imprese di Modena al n. 00159560366 - Copyright 2014 - Tutti i diritti riservati