Logo Content

    Le voci al termine di Gara 1 a Snetterton

    Snetterton 29 maggio 2022

    Nonostante la minaccia di pioggia, le 488 Challenge Evo del Ferrari Challenge UK hanno potuto sfruttare una gara asciutta dal primo all’ultimo giro e lo spettacolo non è mancato. Abbiamo raccolto i commenti dei protagonisti al termine della prima corsa del fine settimana a Snetterton.

    H. Sikkens, primo classificato Trofeo Pirelli: “Sono molto contento di aver vinto, Lucky è molto veloce e negli ultimi anni mi ha tenuto dietro in diverse occasioni e pertanto è bello ritrovarsi in questa posizione almeno una volta. Mi piace molto questa pista, mi trovo bene e sembra che il lavoro al simulatore abbia pagato”.

    Lucky Khera, secondo classificato Trofeo Pirelli: “Ho fatto fatica e non avevo davvero il passo, mi mancava almeno mezzo secondo al giro per insidiare Sikkens. La partenza è andata bene, ma non è stata sufficiente, oggi lui ne aveva di più, ma domani spero di poter lottare per la vittoria”.

    Andrew Morrow, terzo classificato Trofeo Pirelli: “La gara è stata molto impegnativa, soprattutto dopo essere stato superato da Graham nelle fasi iniziali. Ero più veloce ma una volta dietro era difficile rimanere nella sua scia, sebbene sia più semplice seguire che dettare il ritmo. Non mi sono mai arreso, fino alla fine. È stato un duello serrato fino all’ultimo giro ma per fortuna sono riuscito ad avere la meglio”.

    Jason Ambrose, primo classificato Coppa Shell: “Sono al settimo cielo dopo questa vittoria, anche se so che ci sono alcune cose su cui devo ancora lavorare per migliorare ulteriormente le mie prestazioni. Jamie e David mi stanno aiutando a capire come adattarmi meglio alla velocità, ma sono molto felice. Sikkens è sicuramente l’eroe del giorno, ma penso di essere il secondo a poter ambire a questo ruolo”.

    Jonathan Satchell, secondo classificato Coppa Shell: “Ho fatto una bella partenza, al contrario di Oulton Park, si è creato uno spazio libero davanti a me, l’ho sfruttato al meglio e poi sono riuscito a difendere la mia posizione. A quel punto ho creato un po’ di margine nei confronti di Simmerson e Rogers riuscendo a concentrarmi sul mio ritmo di gara, divertendomi molto. È stato una bella giornata e il risultato ne è il giusto premio”.

    Paul Simmerson, terzo classificato Coppa Shell: “È stata una gara difficile a dire il vero, Paul Rogers è stato molto corretto nei tentativi di superarmi, correndo in maniera pulita. In un paio di occasioni mi ha attaccato all’interno e in un caso è riuscito anche a portarsi davanti a me, tuttavia è andato lungo e io sono riuscito a riprendermi la posizione. Penso che ad un certo punto nessuno dei due guardasse più gli specchietti, io no di certo visto che il mio è stato “chiuso” già in partenza. Sono partito bene, Paul è rimasto bloccato e io ho sfruttato il varco all’esterno. Lo spazio si stava restringendo molto rapidamente così sono stato costretto a superarlo con due ruote sull’erba in fondo al rettilineo! La gara però è stata impegnativa e non mi sono preoccupato troppo di chi avessi davanti, prestavo solo attenzione a difendermi da Rogers”.