Logo Content

    I commenti dopo Gara 2 a Snetterton

    Snetterton 29 maggio 2022

    L’azione e i colpi di scena non sono mancati sul tracciato di Snetterton, sede del secondo round del Ferrari Challenge Trofeo Pirelli Uk, ma sul podio i protagonisti dell’ultima gara del fine settimana hanno dato prova di grande sportività. Abbiamo raccolto i loro commenti, dopo i festeggiamenti.

    Andrew Morrow, primo classificato Trofeo Pirelli: “Sono assolutamente entusiasta della mia prima vittoria, è una sensazione fantastica. Quando ho visto Khera e Sikkens arrivare lunghi ne ho subito approfittato anche se devo ammettere che anche io ho rischiato non poco, dunque probabilmente c’era qualcosa che ha reso scivoloso l’asfalto. A quel punto mi sono concentrato sul rimanere calmo e sfruttare la pista libera davanti a me. È stato difficile gestire il ritorno di Khera, ma ho cercato di ignorarlo. Verso la fine della gara si è avvicinato molto ma ho mantenuto il controllo della corsa”.

    Lucky Khera, secondo classificato Trofeo Pirelli: “Due solidi secondi posti, anche se secondi. In una curva c'era dell'olio e ho esagerato, Sikkens mi ha seguito, facendomi perdere una posizione - sono stato fortunato a non perderne altre. Ma la vittoria di Morrow è assolutamente straordinaria, sono entusiasta per lui. Arrivare nel Ferrari Challenge e salire sul gradino più alto del podio nel secondo weekend di gara del tuo primo anno è un'impresa. Non sono riuscito a raggiungerlo!”

    Jason Ambrose, primo classificato Coppa Shell: “Credo che al momento si tratti di fortuna, ma sto imparando molto e in fretta. Non sono perfetto, però: ho fatto un testacoda in gara e ho lasciato passare un paio di piloti, quindi ho ancora delle cose da migliorare. Sono riuscito a recuperare il testacoda abbastanza velocemente e a rientrare, a prenderli, a superarli e a staccarli, quindi sono molto soddisfatto. Non avrei dovuto fare il testacoda, tuttavia. Avrei potuto qualificarmi un po' meglio questa mattina - so di essere arrivato secondo - ma avrei potuto comunque fare meglio. Sono comunque entusiasta, mi sto divertendo molto. Quattro podi in quattro gare, deve essere la fortuna dei principianti... o qualcosa del genere!”.

    Paul Simmerson, secondo classificato Coppa Shell: “È stata una buona gara, con un ottimo spunto al via. La griglia di partenza era fuori posizione, avevo un paio di ragazzi del Trofeo Pirelli dietro di me, ma sono andati avanti e li ho lasciati andare in gara. Poi è arrivato Jason, che oggi è stato molto veloce. È riuscito a mettersi in scia fino a toccarmi un paio di volte alla curva 3. Poi si è girato, ma è riuscito a fare un po' di strada. Poi si è girato, ma è riuscito a rientrare in pista molto velocemente, mi ha raggiunto, si è tuffato all'interno dell'ultima curva per anticipare la mia traiettoria e poi è andato via, non sono riuscito a prenderlo. Avevo Rogers dietro di me, ma è proprio questo il problema: a ogni curva sono stato costretto a difendere la mia posizione, permettendo a chi era davanti di scappare”.

    Paul Rogers, terzo classificato Coppa Shell: “La gara è stata difficile, mi sono qualificato al quarto posto, che non è il massimo, e ho fatto gli ultimi due giri con la pista che si è asciugata. È stata quindi una corsa in rimonta; sono rimasto bloccato dietro Simmerson, di nuovo! È uno difficile da superare, e ha un motore nuovo di zecca sulla sua auto, il che fa un po' di differenza. Ma credo che partendo dalle retrovie il risultato odierno sia il massimo a cui potevo ambire. La prossima volta mi qualificherò davanti a Simmerson, sono più veloce di lui.”