Corse

Mentre il Deutsche Tourenwagen Masters sta per fare tappa al Lausitzring, incontriamo la leggenda del rally Sébastien Loeb, che ha partecipato con AlphaTauri AF Corse alla gara di apertura in Portogallo il mese scorso

Quando si tratta di correre nei rally, Sébastien Loeb non ha eguali. Il quarantottenne francese ha conquistato 9 volte il Campionato del mondo di rally con 80 vittorie al suo attivo. Solo quest’anno è già arrivato secondo al Rally Dakar, è diventato il pilota più anziano ad aggiudicarsi il Rally di Monte Carlo e sta partecipando al Campionato di Extreme E.


Anche lontano dai rally, Seb non è da meno. Tra i suoi successi figurano un secondo posto nel 2006 a Le Mans, un record del tracciato al Pikes Peak International Hill Climb in America e partecipazioni al Campionato del Mondo Turismo e al GT francese. 

All'interno dell'abitacolo della Ferrari AlphaTauri AF Corse

Quindi, quando il pilota dell’AlphaTauri AF Corse, Nick Cassidy ha dovuto saltare la gara portoghese di apertura della stagione del Deutsche Tourenwagen Masters (DTM) a causa di un precedente impegno con la Formula E, il team ha naturalmente chiesto a Sébastien di unirsi a loro per i test pre-stagione con la possibilità di gareggiare a Portimão. E il pilota non ha deluso le aspettative.

 

Correndo al fianco di una lunga lista di piloti di grande talento specializzati nella guida di vetture GT3, Sébastien si è dimostrato subito competitivo e soprattutto veloce. Alla prima gara è arrivato a sette decimi dalla pole, un tempo che in qualsiasi altro campionato lo avrebbe facilmente collocato nella top ten (il livello del DTM è così alto che lo ha collocato nella top 20, un risultato comunque brillante). Alla fine ha ottenuto un eccellente sedicesimo posto il sabato e un diciottesimo piazzamento la domenica, dimostrando di essere altrettanto bravo con la Ferrari che con la sua auto da rally... 

Guarda il nove volte campione del WRC mettere alla prova la Ferrari

In cosa differiscono le abilità di un pilota da corsa da quelle di un pilota di rally?

Il rally è più una questione di improvvisazione. C’è anche la preparazione, perché si cerca di avere note di navigazione il più precise possibile, ma ogni tappa è il primo passaggio nel rally, quindi bisogna improvvisare molto. Non puoi essere al limite, come si fa in pista. 

 

Da un punto di vista personale, cosa trovi più impegnativo? 

Il mio modo di lavorare è quello del rally. Quindi, per me è più difficile ottimizzare tutto ed essere allo stesso livello dei piloti (DTM) che fanno sempre quello. Forse è più facile per un pilota di rally adattarsi alle corse, ma competere con i piloti più forti sui circuiti è ancora molto difficile.

 

Qual è stata la tua prima impressione di Ferrari?

La prima impressione? Il primo giorno ero un po’ confuso. Ho cercato di ritrovare il feeling delle corse in pista perché, anche se ho fatto qualche gara GT nel 2013, da allora non ho quasi più gareggiato. Quindi l’auto è molto diversa da quella a cui sono abituato. Una vettura da rally per me è molto naturale e facile da guidare. Queste auto hanno molta più aderenza, sei più vicino al limite.


 

Sébastien ha dimostrato di essere tanto veloce su una Ferrari quanto sulla sua auto da rally


Non hai avuto molto tempo per le prove. Come ti sei preparato per la gara?

Ho un piccolo simulatore a casa, quindi ho girato Portimão con una Ferrari e ho guardato alcuni video di bordo per ottenere la migliore esperienza possibile senza guidare effettivamente in pista.  

 

Hai corso in quasi tutti gli sport motoristici esistenti. A parte il rally, quale ti piace di più?

Mi piace il motorsport in generale, sono stato fortunato ad aver avuto da giovane l’opportunità di iniziare nei rally e a riuscire ad arrivare dove sono arrivato. Ho avuto la possibilità di scoprire altre attività nel motorsport, come le corse su circuito e il cross country, ad esempio. E, sinceramente, mi piace tutto. Perché mi piace cambiare. Ed è proprio questo che amo nel rally: si cambia sempre, dall’asfalto alla ghiaia alla neve. 

 
Infine, non possiamo non ricordare la tua recente vittoria al Rally di Monte Carlo, dove hai sorpreso tutti diventando il pilota più anziano ad essersi aggiudicato questa prova di quattro giorni. 

La vittoria ha sorpreso anche me. Sinceramente, prima di Montecarlo, non credevo che fosse possibile. Ma avevo un buon feeling con la vettura, mi divertivo a guidarla e alla fine del weekend abbiamo vinto. È stato fantastico perché davvero non me lo aspettavo.  

20 maggio, 2022