Passione

Dopo un itinerario di cinque giorni sulle strade costiere di Italia e Francia si è conclusa la Ferrari Cavalcade Riviera, con la partecipazione record di ben 144 vetture

Già solo la logistica è impressionante. Oltre 144 auto - un record nella storia della Cavalcade - provenienti da ogni angolo del globo, sono giunte a Monaco, il secondo Stato sovrano più piccolo del mondo (il più piccolo è Città del Vaticano) per partecipare a una spedizione di una settimana che ha percorso 1.225 km e totalizzato quasi 24 ore al volante. 

Guarda la Ferrari Cavalcade farsi strada lungo la riviera italiana e francese

Originariamente previsto per il 2020 ma rinviato a causa della pandemia, l’itinerario della Cavalcade è stato progettato per consentire agli equipaggi (arrivati da Stati Uniti, Cina, Emirati Arabi Uniti e Nuova Zelanda) di visitare quanto più possibile la bellissima costiera italiana e francese, dalla Costa Azzurra alla Riviera di Ponente, dai passi alpini ai meravigliosi entroterra di Italia e Francia.  

Partendo ogni giorno da Monaco, la Cavalcade ha attraversato le tortuose strade cittadine e gli ampi panorami montani per cinque avventurosi giorni 

Sede di uno dei più antichi circuiti del Gran Premio (dal 1929 la gara si svolge sulle sue strette strade cittadine), il Principato di Monaco conosce bene le meravigliose sinfonie dei motori Ferrari, ma veder partire 144 vetture al ritmo di tre al minuto è stato qualcosa di impressionante anche per i collaudati standard monegaschi.

 

I percorsi giornalieri prevedevano che gli equipaggi partissero dall’iconico Hôtel De Paris del 1864 e che dopo aver percorso le tortuose strade del Principato svoltassero a sinistra verso la Francia o a destra verso l’Italia. Il primo giorno le auto hanno costeggiato lo scintillante Mediterraneo fino all’antica città romana di Sanremo prima di inoltrarsi nell’entroterra e salire a 547 metri sul livello del mare fino allo storico santuario di Vicoforte per un’esposizione nel centro storico. E da lì, come ogni sera, il viaggio di ritorno a Monaco per condividere storie e momenti magici durante la cena.

Un numero record di 144 Ferrari ha percorso i 1.225 km della Cavalcade Riviera 2022

Dopo la riviera italiana, il secondo giorno è stato dedicato alla Costa Azzurra, prima con il leggendario percorso da Monaco a Saint-Tropez e poi con il viaggio di ritorno lungo le strade tortuose e le gallerie di montagna che caratterizzano l’entroterra della Provenza. 

 

Nella terza giornata tutte le 144 auto hanno affrontato un tragitto di 370 km da Monaco alla Francia e ritorno, salendo lungo i passi delle Alpi Marittime, varcando il confine con l’Italia presso la stazione sciistica di Isola 2000 e attraversando la campagna piemontese per tornare a Monaco.

La spettacolare vista delle 144 Ferrari in partenza per l'avventura del giorno successivo al ritmo di tre auto al minuto per la gioia del pubblico 


Dopo aver percorso una media di 350 km al giorno, l’ultima giornata è stata la più tranquilla: un itinerario di soli 140 km ha permesso a ogni equipaggio di testare il leggendario passo del Col de Turini, una strada di 1607 metri ricca di tornanti che fa parte del Rally di Monte Carlo. Il viaggio della Cavalcade si è concluso con una grande parata a Monaco e un’esibizione finale in Place du Casino. I team hanno poi raggiunto il Principe Alberto di Monaco per un aperitivo prima dell’attesissima cena di gala con asta di beneficenza.

 

L’asta, tenutasi durante la cena di gala, sostiene progetti educativi per i più bisognosi sotto l’egida del governo di Monaco e ha visto la partecipazione di Madame Isabelle Bonnal, della Direction de l’Éducation Nationale de la Jeunesse et des Sports.

 

Quest’anno, oltre a un posto alla Cavalcade 2023 e ai cimeli Ferrari messi all’asta, è stata offerta l’opportunità esclusiva di fare un giro sulla nuova Ferrari Purosangue che arriverà verso la fine dell’anno e scrivere di questa esperienza su The Official Ferrari Magazine. La conclusione perfetta di una settimana indimenticabile.

07 luglio, 2022