Logo Content

    Carlos e Charles vogliono un finale in crescendo

    Austin 20 ottobre 2022

    Temperature in rialzo e cielo sereno hanno accolto nel paddock del Gran Premio degli Stati Uniti i piloti della Scuderia Ferrari, molto contenti di essere tornati in America: “Come potete immaginare amo la cucina locale essendo un appassionato di hamburger, ma è tutta l’atmosfera qui che è molto piacevole”, ha affermato Carlos Sainz. “Trovo che la trasferta di Austin sia una delle più piacevoli della stagione per l’ambiente e l’entusiasmo dei tifosi locali. La pista inoltre è varia e davvero bella, quindi non possiamo che essere felici di gareggiare qui”, ha dichiarato Charles, festeggiato all’ora di pranzo con una grande torta di compleanno (il monegasco ha compiuto 25 anni domenica scorsa) che, a nome della squadra, gli è stata portata proprio da Carlos.

    Obiettivi. Parlando con i giornalisti nella consueta conferenza stampa FIA, Carlos ha spiegato quale sarà l’approccio del team in queste ultime gare: “Useremo questi Gran Premi conclusivi per prepararci nella maniera migliore al 2023 cercando di approfittare di qualunque opportunità si presenti per vincere una corsa. Se devo essere sincero – ha continuato – sarei più contento di centrare questo obiettivo che non di classificarmi in campionato superando George (Russell). Ho raggiunto un buon livello di affiatamento con la F1-75 e mi piacerebbe togliermi ancora qualche soddisfazione”. Charles gli ha fatto eco parlando con i media nel paddock: “Abbiamo visto che c’è ancora da lavorare perché in certe condizioni la nostra vettura ha mostrato delle lacune. Credo che dobbiamo sfruttare questo finale di campionato per arrivare più preparati al via della prossima stagione. Ovviamente mi piacerebbe finire in bellezza l’annata – ha detto il monegasco – e speriamo di cominciare da qui”.

    Robert. Charles domani non disputerà la prima sessione di libere perché, come previsto dal regolamento, lascerà la propria monoposto a un pilota giovane, con meno di due gare all’attivo: il test driver Robert Shwartzman proveniente, proprio come lui, dalla Ferrari Driver Academy. Per lui, all’esordio assoluto in una sessione ufficiale di Formula 1, ha speso parole di apprezzamento Carlos parlando con i media: “Robert è un sicuro talento e ha già colpito positivamente gli ingegneri al volante della vettura del 2021 – ha affermato –. Come sappiamo la monoposto di quest’anno è completamente diversa da quelle degli anni precedenti per cui immagino che per lui non sarà facilissimo andare subito forte su una pista sulla quale, peraltro, non ha mai girato: sono però sicuro che farà un buon lavoro per il team anche se la cosa che gli auguro più di tutte è di godersi questa esperienza e divertirsi il più possibile”.