Logo Content

    Formula 4: Camara entusiasma a Spa-Francorchamps

    Francorchamps 19 giugno 2022

    Rafael è stato autore di una rimonta da ricordare, confermandosi leader nella classifica generale grazie a due piazzamenti sul podio. Wharton si conferma nella top-3, Weug ancora a punti.

    È stato un weekend decisamente intenso quello vissuto da Rafael Camara sul circuito di Spa-Francorchamps, sede della terza tappa stagionale del campionato Italiano di Formula 4. Dopo la piazza d’onore conquistata in Gara-1 e la quarta posizione arrivata nella seconda corsa, il diciassettenne brasiliano della Ferrari Driver Academy si è schierato dalla pole position al via di Gara-3.

    Lo spegnimento del motore al via ha costretto però Camara a riprendere la corsa in trentaquattresima posizione, ma quella che sembrava una corsa compromessa è diventata una galoppata esaltante, conclusa in terza posizione. Anche James Wharton è salito sul podio belga, grazie al terzo posto conquistato in Gara-1, mentre Maya Weug ha rinsaldato i progressi visti nelle ultime gare confermandosi ancora nella top-10. Al termine della terza tappa stagionale Camara è sempre leader della classifica generale con 147 punti, graduatoria che vede Wharton quarto (79 punti) e Weug dodicesima a quota 20.

    Gara-1. La prima delle tre gare disputate a Spa-Francorchamps ha visto Wharton e Camara scattare rispettivamente dalla seconda e terza posizione, mentre Weug ha preso il via dalla sesta fila della griglia di partenza. L’australiano è stato autore di un ottimo avvio, e sul rettilineo del Kemmel è transitato in prima posizione. James si è però scomposto uscendo dalla curva 5, ed è retrocesso in quarta posizione lasciando il comando a Camara.

    Il leader del campionato ha mantenuto la prima posizione fino al quarto giro, quando ha dovuto cedere all’attacco di Andrea Kimi Antonelli venendo raggiunto da Wharton. Tra i due è iniziato un confronto che si è concluso sotto la bandiera a scacchi con posizioni invariate. Weug, tredicesima, ha mancato di poco la zona punti, confermando però spunti velocistici interessanti. 

    Gara-2. La seconda corsa del fine settimana è stata tra le più spettacolari di questa prima parte di stagione. Camara e Wharton hanno preso il via rispettivamente dalla seconda e terza posizione, mentre Weug è scattata dall’ottava fila. Al secondo giro Camara ha preso il comando alla staccata di Les Combes, iniziando un lungo confronto con Antonelli alternandosi in prima posizione. A tre giri dal termine l’episodio, discusso, che ha deciso la corsa.

    Alla solita frenata della Les Combes sono arrivati appaiati Camara, Antonelli e Alex Dunne, e in bagarre Camara ha difeso la posizione e Antonelli ha tagliato la via di fuga, senza restituire la posizione. Ne ha approfittato Dunne, che si è portato in seconda posizione, mentre Camara è sfilato al quarto posto. La corsa subito dopo è stata congelata dall’ingresso in pista della Safety Car, e gli ultimi due giri in programma sono stati percorsi dietro la vettura di sicurezza. Sotto la bandiera a scacchi Wharton ha conquistato la quinta posizione, mentre Weug ha visto premiata la sua rimonta con il decimo posto.

    Gara-3. La griglia di partenza della corsa che ha concluso il weekend di Spa-Francorchamps ha visto Camara schierarsi in pole position con Wharton in terza posizione e Weug in quattordicesima. Allo spegnersi del semaforo Rafael ha stallato, venendo sfilato da tutte le 36 monoposto in pista prima di riuscire ad avviarsi. Nel corso del primo giro alla chicane Les Combes, Wharton, in bagarre per la prima posizione, è stato spinto fuori pista, concludendo la sua corsa nella via di fuga. La Safety Car, entrata in pista per rimuovere la vettura di James, ha congelato la corsa per due tornate, e Camara si è riaccodato al gruppo in trentaquattresima posizione.

    Ripresa la gara, Rafael ha iniziato a recuperare posizioni, risultando il più veloce in pista. Giro dopo giro è stato autore di una rincorsa entusiasmante, che lo ha visto arrivare a due giri dalla fine dietro il compagno di squadra Wurz, che occupava la terza posizione. L’ultimo sorpasso, alla penultima tornata, gli ha permesso di conquistare una posizione sul podio, dopo ben 28 sorpassi e una rincorsa che ha entusiasmato il pubblico di Spa-Francorchamps. Weug ha occupato a lungo la decima posizione, e solo nelle ultime tornate ha pagato la bagarre a ridosso della zona punti transitando quindicesima sotto la bandiera a scacchi.