Logo Content

    Tonizza comincia con un podio

    Maranello 07 aprile 2022

    David Tonizza ha iniziato con un secondo posto la nuova stagione del Mobileye GT World Challenge Europe Esports Championship sul tracciato di Misano. Il pilota dello Scuderia Ferrari Velas Esports Team è stato autore di una prova solida nella quale è stato l’unico a tenere il passo di Daire McCormack, vincitore della corsa con la vettura del Munster Rugby Gaming. Una penalizzazione nel finale di gara ha invece condizionato la gara d’esordio con la squadra di Kamil Pawlowski.

    Qualifiche. Il duello tra Tonizza e McCormack è stato subito serratissimo. Fin dalla qualifica i due si sono sfidati sul filo dei millesimi con il pilota italiano che è riuscito a piazzare la sua Ferrari 488 GT3 Evo 2020 davanti a tutti battendo il rivale di 38 millesimi. Pawlowski è stato a lungo quinto salvo venire sopravanzato nel finale da Michael Tauscher (Unicorns of Love). 

    Esitazione. Alla partenza David ha reagito con un’istante di ritardo rispetto a McCormack che è così riuscito a prendere per primo curva 1 rintuzzando gli attacchi dell’italiano per tutta la tornata iniziale. Il pilota irlandese in breve tempo è riuscito ad avvantaggiarsi di un margine sufficiente a mettersi al riparo da potenziali undercut di Tonizza. Il sim driver italiano ci ha provato, fermandosi un giro prima del rivale per la sosta ai box obbligatoria – quando mancavano poco più di 15 minuti al termine – ma McCormack ha disputato la gara migliore della carriera portandosi a casa la prima posizione. A Tonizza resta la consolazione di aver disputato una gara solida e di essersi piazzato davanti a tutti gli altri rivali diretti, a cominciare da Nils Naujoks (quarto) per continuare con Arthur Kammerer (sesto) e il campione in carica James Baldwin (ottavo).

    Incidenti e penalizzazioni. Se il secondo posto di Tonizza non è mai stato a rischio, l’esordio di Kamil Pawlowski nel Mobileye GT World Challenge Europe Esports Championship come pilota dello Scuderia Ferrari Velas Esports Team è stato molto più complicato. Il polacco a inizio gara è rimasto vittima di un contatto con Jordan Sherratt (Automobili Lamborghini Esports Team) scivolando in ottava piazza. Poco dopo è stato Dominik Blajer a colpire la Ferrari 488 GT3 Evo 2020 numero 14 costringendo Kamil a rallentare ulteriormente. Nel finale il polacco si è ritrovato in bagarre con la vettura del team Mobileye X Jean Alesi Esports Academy di Luca Losio per la settima posizione. Kamil era più veloce sul giro ma sul dritto l’italiano riusciva ad avvantaggiarsi su di lui. Il duello si è concluso con un contatto che ha visto Pawlowski avere la meglio sul traguardo. Per lui però a fine gara è arrivata una penalizzazione che lo ha fatto precipitare al 17° posto. La sua prestazione ha comunque fatto capire che il campione in carica della Ferrari Esports Series è un sim driver di talento e che i primi punti non tarderanno ad arrivare. L’appuntamento per la rivincita è fissato per il 4 maggio a Zandvoort, in Olanda.