Logo Content

    Le Voci della Finale Mondiale del Trofeo Pirelli

    Mugello 21 novembre 2021

    La gara che ha consacrato Luka Nurmi come il pilota iridato più giovane della storia delle Finali Mondiali, è stata avvincente fino alla fine. Lo confermano i protagonisti che sono saliti sul podio insieme al finlandese e al vincitore della Am, Christian Brunsborg. 

    Niccolò Schirò, secondo classificato Trofeo Pirelli: “Speravo in un risultato migliore ma, sfortunatamente, se non corri non puoi superare. Infatti, purtroppo, sono intervenute molte Safety Cars bloccandoci più volte e così ho provato a superare solo alla fine. Dopo la ripartenza non riuscivo ad avvicinarmi abbastanza a Luka. Mi congratulo con lui e alla prossima gara vedremo cosa succederà”.

    Cooper Macneil, terzo classificato Trofeo Pirelli Am: “Secondo anno di seguito che ottengo il terzo posto nelle Finali Mondiali, quarto campionato consecutivo nel Ferrari Challenge Nord America. La vettura è stata difficile da guidare per tutto il weekend. Giovedì durante le prove sono stato coinvolto in un incidente che ha destabilizzato la mia auto che fino a quel momento stava andando davvero bene. Dopodiché è stato tutto più difficile. Comunque, sono contento per il terzo posto”.

    Enzo Potolicchio, secondo classificato Trofeo Pirelli Am: “E’ fantastico essere qui a rappresentare il mio Paese e il campionato nord americano. E’ la seconda volta che salgo sul podio durante le Finali Mondiali. Ho avuto un’opportunità di vincere ma purtroppo sono non ci sono riuscito in quanto sono rimasto coinvolto in un incidente. Abbiamo dovuto lavorare parecchio sulla macchina e ieri, durante la gara, non era ancora in condizioni perfette quindi abbiamo dovuto sistemare di nuovo il telaio. Il team ha fatto un lavoro eccezionale e mi ha consegnato un’auto fantastica che mi ha permesso di arrivare secondi e completare una gara pulita. Anche il tempo e il circuito erano perfetti. Ora torniamo a casa, ci riorganizzeremo e tenteremo di tornare il prossimo anno. E’ stato fantastico unirsi alla famiglia Ferrari ed essere qui. Come sempre è stato un evento eccezionale, molto emozionante”.

    Ange Barde, terzo classificato Trofeo Pirelli Am: “La gara è stata dura perché sono intervenute parecchie Safety Car. È la ragione per cui non sono riuscito ad essere in prima linea ma, alla fine, ho concluso con il podio ed è un finale ottimo per il campionato”.