Logo Content

    Cronache dal paddock di Portimão

    Portimão 08 aprile 2022

    C’è grande trepidazione sul circuito di Portimão, in Algarve. Non solo perché è la prima tappa della stagione del Ferrari Challenge Europe, ma anche e soprattutto perché è il debutto della trentesima edizione del monomarca del Cavallino Rampante sul suolo europeo. Una ricorrenza che Ferrari vuole celebrare con tutti gli onori, a partire dai protagonisti indiscussi di questi 30 anni di corse, i bolidi della Casa di Maranello.

    Ferrari 348 Challenge. Prima dei piloti ad arrivare in Portogallo è stata lei, la 348 Challenge, la vettura utilizzata per dare vita al monomarca del Cavallino Rampante. Curata dai tecnici Ferrari e ammirata da tutti, ha fatto la sua apparizione in anteprima in Gara 1 del Trofeo Pirelli, con un giro di pista che ha fatto correre la mente ai primi anni del Ferrari Challenge.

    Autodromo do Portimão. Situato nel sud del Portogallo, vicino alle coste dell’Algarve, l’Autodromo do Algarve è stato inaugurato nell’ottobre 2008 e conta ben 15 curve disposte sui saliscendi tipici della regione. Sono alcune delle curiosità che sono state oggetto di un simpatico contest che ha coinvolto online i tifosi Ferrari e a cui hanno dato risposta proprio i piloti protagonisti del Ferrari Challenge.

    1° Aprile. Il tradizionale giorno dedicato agli scherzi ha scatenato la fantasia nel paddock: c'è chi ha ritagliato pesci di carta da attaccare sulle spalle di ignari piloti e tecnici; chi ha fatto correre la mente a qualcosa di simpatico che potesse coinvolgere lo “squalo” Fons Scheltema…

    Conferme e volti nuovi. Come il primo giorno di scuola, ci si saluta fra vecchi amici e nuovi ingressi nel paddock. Intanto i piloti vengono invitati alle foto e ai video ufficiali, con il nuovo abbigliamento della stagione e i nuovi loghi, compreso quello del trentennale, che serviranno per comunicazione, promozione e per la grafica rinnovata delle cronache delle gare nelle dirette web e televisive.

    Ciclone Pulido. Prima ancora che in pista, si è fatto apprezzare per la sua spontaneità e verve nel paddock, Juan Andujar Pulido. Madrileno, campione del GT spagnolo, è arrivato a bordo della sua Ferrari stradale, dichiarando: “Il Cavallino è la mia passione fin da quando ero un bambino; essere qui è un sogno che diventa realtà”. Grandi sorrisi per tutti e una naturale simpatia, lo spagnolo vuole diventare un protagonista del Trofeo Pirelli: “Mi piacerebbe lottare per le prime posizioni”.

    Esordi top. In tema di esordi, questa volta assoluti, la palma di migliore va assegnata senza alcun dubbio a Mark Bailey. L'inglese è arrivato a Portimão da debuttante ed è riuscito a portare a casa in due giorni un quinto e un fantastico secondo posto nella Coppa Shell Am.

    Contro il tempo. Prima ancora che contro il cronometro, la sfida del tempo tra Luka Nurmi e Doriane Pin, che promette di animare tutta la stagione del Ferrari Challenge, si gioca sull'età di nascita. Se il finlandese è stato l'anno scorso il più giovane vincitore e il più giovane campione del Mondo, la francesina che ha messo a segno una doppietta in Algarve, con i suoi 18 anni appena compiuti è andata molto vicina a scalzare il record del diciassettenne finlandese.

    Cose di famiglia. Un graditissimo e atteso ritorno quello di Thomas, David, Corinna e Manuela Gostner. La famiglia altoatesina è tornata in forze nel Ferrari Challenge, dimostrando di voler essere protagonista nelle varie classi. Abbiamo incontrato tra una prova e l'altra Manuela, che ci ha raccontato il suo esordio quasi casuale e il suo percorso che l'ha portata dal Challenge ad essere protagonista nelle Competizioni GT, fino alla 24 Ore di Le Mans, senza nasconderci qualche curiosità, come l'amore di suo padre per il volo e tutto ciò che ha le ali.

    Oltreoceano. Due protagonisti della serie europea sono arrivati dagli Stati Uniti. James Weiland, protagonista della Coppa Shell 2021, ha iniziato il fine settimana con delle qualifiche difficoltose, ma si è subito rifatto con un'ottima Gara 1: con 13 sorpassi è riuscito a portarsi a ridosso dei primi. Nella seconda prova, invece, il simpatico americano ha ritrovato lo smalto dell'anno scorso, conquistando un podio importante. Lisa Clark, che della serie statunitense del monomarca è campione in carica nella Ladies Cup e che ha partecipato a inizio anno anche alle prove del campionato APAC, si è difesa alla grande in Portogallo nella Coppa Shell Am.