Auto

In esclusiva la prima immagine della Le Mans Hypercar con cui Ferrari debutterà in pista nel 2023

Quarantanove anni fa la bandiera a scacchi non sventolò solo per chiudere la 24 Ore di Le Mans del 1973, ma segnò anche la fine dell’era Ferrari nella massima categoria delle corse di endurance.

In quella gara Ferrari schierò tre 312 PB, Sport Prototipi di grandi dimensioni a coda lunga, i cui motori V12 piatti potevano spingerli sui 6 km del rettilineo di Mulsanne a velocità che sfioravano i 320 km/h.
La gara fu emozionante e vide tutte e tre le Rosse alternarsi al comando, ma soltanto quella guidata da Arturo Merzario e Carlos Pace tagliò il traguardo, arrivando seconda dopo 349 estenuanti giri e un’ottima pole position.

 

Tuttavia, era giunto il momento delle decisioni. Dopo aver dominato per vent’anni le gare di endurance con una dinastia di auto come la 250 LM (l’ultima Rossa a vincere a Le Mans), la 275 P, la 330 P2 e la 330 P3, Ferrari abbandonò la classe regina del World Endurance Championship per concentrarsi unicamente sulla Formula 1. 

La prima immagine della Ferrari LMH, che debutterà in pista nel 2023

E oggi, a distanza di quasi mezzo secolo, saranno svelati i primi dettagli della Le Mans Hypercar che correrà nel FIA World Endurance Championship del 2023.


Come ci si aspetterebbe da 75 anni di innovazioni nel mondo delle corse, i tratti stilistici del modello mostrano chiari riferimenti alle Ferrari del passato. Il frontale, in particolare, ricorda immediatamente quello della Daytona SP3 con motore V12 da 6,5 litri, omaggio agli Sport Prototipi degli anni Sessanta e all’epoca d’oro delle competizioni motoristiche a ruote coperte.   

 

I primi test di sviluppo della Le Mans Hypercar inizieranno nelle prossime settimane. Manca poco più di un anno alla 24 Ore di Le Mans del 2023: il conto alla rovescia per l’appuntamento con la storia – a cinquant’anni dall’ultima partecipazione – è ufficialmente iniziato.