Passione

Se ne è andato a 87 anni a causa di una grave malattia Mauro Forghieri, uno degli uomini più significativi della storia della Ferrari, la cui vicenda si è intrecciata per quasi quattro decenni con quella del Cavallino Rampante

Modenese verace e di indole particolarmente focosa, figlio di Reclus – uno dei meccanici motoristi più abili della Scuderia Ferrari – e di Afra Gori, Forghieri varcò per la prima volta i cancelli della Ferrari a 22 anni, nel 1957, per effettuare una “esperienza lavorativa addestrativa”, quello che oggi si chiamerebbe stage, nell’ambito del corso di laurea in ingegneria che stava frequentando all’Università di Bologna.

Sarebbe tornato in azienda in pianta stabile nel 1959, quando a capo del reparto corse c’era un altro carattere facilmente surriscaldabile: Carlo Chiti. Tra i due non mancarono le occasioni di attrito, ma furono proprio le frizioni fra Chiti ed Enzo Ferrari ad offrire a Forghieri la chance della vita. Al termine della stagione trionfale 1961 il capo della Scuderia e altri uomini di punta si trovarono in contrasto con Enzo Ferrari e lasciarono Maranello. Il Grande Vecchio, con una delle due intuizioni spiazzanti, decise allora di affidare tutto il reparto corse a quel Mauro, 27enne di Modena dagli occhiali spessi come fondi di bottiglia.

Enzo Ferrari nel caso di Forghieri è stato dunque il genio ispiratore, che in lui aveva visto l’uomo che avrebbe potuto realizzare prima di tutti gli altri le sue aspirazioni. In quel ruolo dopotutto Forghieri riempiva la scena: era una figura dinamica e carismatica che nonostante la sua giovane età aveva dimostrato un’autonomia di pensiero con intuizioni originali e trasgressive, tanto da meritarsi un’ampia delega operativa da parte di Ferrari.


Forghieri in conversazione con Enzo Ferrari durante una gara alla fine degli anni '60

Sul lavoro era provocatore ma era anche un punto di riferimento della squadra, uno che sapeva fare gruppo con gli ingegneri, ma anche con i meccanici, con i quali parlava in dialetto. Per questo veniva visto da tutti come un pilastro del team, un elemento di sostegno e di legame indissolubile. Grazie alla sua carismatica personalità tutti si sentivano parte fondamentale del gruppo, pur in un ambiente difficilissimo come quello delle corse di vertice, e riuscivano a dare il meglio di sé: questo si percepiva in modo netto anche dall’esterno, non solo in pista ma anche in qualsiasi settore dell’Officina.

Favorito anche dal clima che si respirava in azienda, unico in quanto a stimoli e creatività, Forghieri, forte della sua genialità, competenza e curiosità, sapeva spingersi oltre, verso soluzioni innovative, spesso inedite che hanno stimolato tutto l’ambiente. E questo è probabilmente il risultato più nobile del suo lavoro, che ha consentito alla Ferrari di continuare a presidiare il massimo livello tecnologico in campo automobilistico.

L’ingegnere disse questo su quando venne messo a capo della Scuderia: “Quando mi venne affidato il reparto corse confessai a Ferrari che avevo paura. Lui mi rassicurò e mi disse che avevo il suo supporto, che non bisogna mai darsi per sconfitti e non avere timore di osare”. E di paura di osare Forghieri non ne aveva davvero: rimise mano alla 250 GTO ridisegnandone il ponte posteriore e addolcendone l’erogazione della potenza, trasformando così quella vettura da “macchina assassina” ad “arma vincente” in tante corse degli anni Sessanta. Fece debuttare gli alettoni sulle vetture di Formula 1, nel 1968, sulle 312 F1 di Chris Amon e Jacky Ickx, prima ancora che un altro visionario come Colin Chapman ne raccogliesse i frutti con le sue Lotus.

Mauro Forghieri parla con Jody Scheckter al GP d’Italia, dispensa consigli alla 1000 Km di Monza, siede al fianco di Enzo Ferrari in conferenza stampa e assiste ai primi test della Ferrari 126 C2 sul circuito di Fiorano nel 1982

Sarebbe troppo lungo fare l’elenco delle straordinarie automobili che ha progettato, ma bastano questi dati per collocare Forghieri fra i tecnici più geniali della storia dello sport automobilistico: 54 Gran Premi di Formula 1 vinti cui si aggiungono undici campionati del mondo oltre che nove titoli nelle competizioni di durata. Lui ha sempre saputo essere trasversale: i tecnici più in voga di quel periodo, brillavano sì per doti rilevanti ma, salvo poche eccezioni, per lo più erano specializzati: chi per le monoposto chi per le vetture a ruote coperte; chi per i telai, i motori o l’aerodinamica. Mauro spaziava in ogni settore con risultati sorprendenti, aiutato certo dalle persone che lo circondavano, dalle quali però sapeva farsi voler bene nonostante i modi, talvolta, davvero bruschi. È stato un uomo capace di rivoluzionare un sistema vincente per continuare a vincere, che è poi la storia della Ferrari.

I rapporti con il Vecchio erano una cosa speciale: come tutte le persone illuminate, Enzo subiva il fascino del talento di Mauro. In lui vedeva la realizzazione delle sue pulsioni: probabilmente vi era una sorta di processo di osmosi, e Forghieri, non meno intelligente, si lasciava guidare da Ferrari proponendo, in modo adeguato tutte le volte che si presentava l’occasione, la sua soluzione, originale, estrema, innovativa, sapendo già che per affinità elettive e unicità d’intenti Ferrari – magari non prima di aver espresso perplessità e non senza aver fatto le proprie verifiche –avrebbe accettato.

Pochi progettisti sono riusciti a creare monoposto e vetture da corsa iconiche come Forghieri, che sapevano unire la bellezza, al fascino, al contenuto tecnico e al valore che trasmettevano, questo ancora tra i tratti distintivi della tradizione aziendale. Basta pensare alle monoposto di Niki Lauda, che dal 1975 al 1977 dominarono la scena, o alle prime vetture turbo che con Gilles Villeneuve hanno fatto sognare i tifosi e con i piloti francesi René Arnoux, Patrick Tambay e Didier Pironi hanno vinto i primi titoli iridati con questo tipo di motore.

Forghieri è stato protagonista della realizzazione di uno dei capitoli più intensi e importanti dell’automobilismo mondiale, dedicando alla Casa di Maranello il periodo più proficuo della sua vita, durante il quale ha contribuito con passione e dedizione a consolidare nel mondo l’immagine e la credibilità del marchio Ferrari alimentando il mito del Cavallino con alcune delle pagine più vincenti e storiche.

Quando nel 1987 il suo tempo in Ferrari era concluso, Forghieri ricorda di aver annunciato così le proprie dimissioni: “Me ne vado”, disse a Ferrari, che gli rispose: “Ma sì, vai pure, che tanto fra poco me ne vado anche io”.

Ora potrebbero riprendere quella conversazione. 

Forghieri discute le tattiche di gara con il leggendario pilota della Ferrari F1 Niki Lauda

Piero Ferrari, Vicepresidente: “Quando sono entrato in azienda, nel 1965, condividevo l’ufficio con il Cavalier Giberti, il primo dipendente della Ferrari, e Mauro Forghieri, che era stato assunto qualche anno prima, era nell’ufficio accanto. Ci separavano dieci anni di età e un vetro. Di fatto ci vedevamo tutto il giorno tutti i giorni. Forghieri metteva energia e passione in ogni sua attività. Aveva un carattere sanguigno e ricordo che in più di una di quelle interminabili riunioni di Gestione Sportiva, che iniziavano alla sera e finivano di notte, mi sono trovato a fare da mediatore tra lui e mio padre. Ma so anche che mio padre apprezzava in lui l’instancabile voglia di fare, sapeva che dietro un suo eventuale errore c’era sempre e solo il tentativo di fare di più e meglio, di guardare avanti. È un pezzo della nostra storia che se ne va, un uomo che ha dato molto alla Ferrari e al mondo delle corse in assoluto”.

Mattia Binotto, Team Principal & Managing Director Scuderia Ferrari: “Oggi è un giorno molto triste per tutti noi della Scuderia Ferrari. Piangiamo la scomparsa di Mauro Forghieri, una delle figure più straordinarie nella nostra storia. Nominato a capo del team a 27 anni, con le sue intuizioni geniali è stato uno degli ultimi ingegneri totali del mondo dell’automobilismo. Mi è capitato di incontrarlo in varie occasioni e ogni volta è stata un’emozione speciale: il suo carisma è rimasto intatto nel tempo. Le sue idee rivoluzionarie, insieme al carattere acceso e alla capacità di essere un grande motivatore, gli hanno permesso di scrivere alcune delle pagine più significative della storia della Ferrari e alimentare come pochi altri il mito del Cavallino Rampante. Mancherà a tutti noi”.

Antonello Coletta, Head of Ferrari Attività Sportive GT: “Mauro Forghieri ha ricoperto un ruolo chiave nell’alimentare la storia di Ferrari. Se Enzo Ferrari si definiva un agitatore di uomini, credo si possa dire che Forghieri fosse un agitatore di idee. Un innovatore geniale, capace di elaborare soluzioni tecniche precluse alla maggior parte dei tecnici della sua epoca. Un progettista che sapeva andare oltre il suo ruolo, diventando un punto di riferimento e una fonte di ispirazione per tutte le persone che collaboravano con lui. La sua ecletticità dal punto di vista progettuale, la grande curiosità e voglia di spingersi oltre, gli hanno consegnato un posto nella storia, non solo di Ferrari, ma anche dell’automobilismo sportivo”.


02 novembre, 2022