Logo Content

    Round 2 frustrante per lo Scuderia Ferrari Velas Esports Team

    Maranello 15 ottobre 2022

    Il secondo round del F1 Esports Series Pro Championship 2022, che prevedeva le gare di Spielberg, Spa-Francorchamps e Zandvoort, si è rivelato frustrante dal punto di vista dei risultati per lo Scuderia Ferrari Velas Esports Team. La squadra ha impiegato tutti e tre i suoi piloti – Brendon Leigh, David Tonizza e Fabrizio Donoso hanno disputato due gare ciascuno – il bottino di punti non è andato oltre i dieci, anche se Leigh con il sesto posto della terza gara, a Zandvoort, ha ottenuto fin qui il miglior piazzamento assoluto del team. Il rendimento del team in qualifica è migliorato rispetto al round 1, ma in gara i sim driver della Ferrari non sono riusciti a trasformare i piazzamenti sulla griglia in punti. Con i dieci punti raccolti la squadra è settima in classifica.

    Spielberg. La prima gara del round è andata in scena in Austria, sulla pista di Spielberg, dove le qualifiche hanno visto Brendon raggiungere il Q3 e piazzarsi ottavo, mentre David è uscito in Q2 ed è dovuto scattare 14°. Al via, in condizioni di bagnato, Leigh è partito bene, mentre Tonizza è scivolato in fondo al gruppo. Quando la pista ha iniziato ad asciugarsi David è stato fra i primi ad entrare ai box per passare a gomme slick Hard, mentre Brendon ha montato le Medium, che lasciavano però dei dubbi sulla performance a fine gara. Leigh è stato a lungo nel gruppo dei primi, in settima posizione alle spalle di Jarno Opmeer ma nel finale ha pagato il degrado delle sue gomme dovendo cedere agli attacchi di Bari Borumand, Dani Moreno, Marcel Kiefer e Simon Weigang giungendo undicesimo sul traguardo. Tonizza è stato solo 16° mentre la gara è stata vinta da Thomas Ronhaar sulla Haas.

    Spa-Francorchamps. La seconda gara è andata in scena in Belgio e anche in questo caso uno dei due piloti dello Scuderia Ferrari Velas Esports team è arrivato in Q3: David, poi autore del nono tempo. Fabrizio è invece uscito in Q2 ed è scattato 12°. Le due F1-75 sono partite con gomme Hard rimanendo a centro gruppo. Quando sono iniziati i pit stop Tonizza è stato fra i primi a fermarsi, mentre Donoso è rimasto in pista risalendo fino al terzo posto prima di fermarsi e rientrare 17°, due posizioni dietro il compagno di squadra. Una volta che tutti hanno effettuato il proprio stop, i piloti Ferrari si sono ritrovati in nona e dodicesima piazza. David ha concluso in quella posizione, mentre Fabrizio ha superato Marcel Kiefer ma si è piazzato subito fuori dalla zona punti nella gara vinta da Bari Boroumand (McLaren Shadow).

    Zandvoort. Terza gara del round e terza volta in Q3 per un pilota del team: sulla pista olandese ci è riuscito Brendon che si è potuto schierare ottavo, mentre Fabrizio è rimasto escluso di un soffio dalla fase decisiva ed è partito undicesimo. La gara è iniziata con il circuito completamente bagnato ma senza quasi più pioggia. Metà schieramento, tra cui Leigh e Donoso, ha optato per gomme Intermedie e nei primi giri c’è stato da soffrire per rimanere in pista, al punto che le due F1-75 viaggiavano in tredicesima e sedicesima posizione. Man mano che il circuito si è asciugato le gomme scelte da Brendon e Fabrizio hanno iniziato a pagare rispetto a quelle da bagnato pesante degli avversari, così il pilota inglese è riuscito a risalire fino al decimo posto prima di passare a gomme slick Medium. Nel finale Leigh è rimasto in coda al gruppo dei migliori mettendo a segno un gran sorpasso ai danni di Dani Moreno e raccogliendo per strada alcune posizioni perse dagli avversari. Brendon è passato sul traguardo sesto – miglior risultato del team fin qui – mentre Fabrizio è giunto 14° nella gara vinta da Lucas Blakeley (McLaren Shadow).

     

    Guardando a questo evento nella sua totalità mi sento di dire che abbiamo fatto un passo avanti come squadra. C’è stato un miglioramento in qualifica e in gara abbiamo raccolto meno di quanto avremmo meritato, perché comunque ci siamo preparati bene. Torneremo più forti al prossimo round.

    Brendon Leigh

    Sim Driver #72

     

    Credo che in questo secondo round si siano visti dei passi avanti in tanti aspetti fondamentali e, soprattutto in qualifica. Sappiamo bene che non basta ancora, dobbiamo lavorare sodo ma sono convinto che abbiamo trovato il sistema giusto per progredire come squadra e i risultati si vedranno.

    David Tonizza

    Sim Driver #95

     

    I risultati in pista non sono stati soddisfacenti, ma io ho notato progressi concreti rispetto al Round 1. Credo che occorra lavorare ancora duro per avere delle qualifiche migliori perché anche con gare lunghe il doppio, questa fase continua ad essere decisiva. Sono certo che arriveremo al round 3 ancora più competitivi.

    Fabrizio Donoso

    Sim Driver #8

    L’esito del secondo round del Pro Championship non ci può soddisfare. Speravamo di raccogliere un bottino migliore da Spielberg, Spa-Francorchamps e Zandvoort e invece torniamo a casa con tanti compiti da fare e la consapevolezza che in un campionato di così alto livello occorre lavorare ancora più sodo in vista dei prossimi appuntamenti. Brendon ha dato prova delle sue abilità nell’ultima delle tre gare ma nel complesso il risultato di squadra è inferiore alle aspettative. In vista del prossimo round di campionato, ci siederemo con piloti e tecnici e ci confronteremo per mettere a punto un piano che ci consenta di sfruttare in modo più concreto il potenziale a nostra disposizione.

    Marco Matassa

    Team Principal Scuderia Ferrari Velas Esports Team