Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Ferrari

F2: a Silverstone tutto pronto per la ‘rivincita’

Silverstone 07 August 2020

I piloti della Ferrari Driver Academy (FDA) hanno sfruttato i giorni di pausa seguiti all’intenso fine settimana di Silverstone per tirare il fiato e valutare i riscontri emersi lo scorso weekend. Un appuntamento che ha presentato difficoltà maggiori del previsto, problematiche che sono state analizzate in vista del prossimo fine settimana, che si svolgerà sempre sui 5.891 metri dello storico tracciato britannico, e che la pista dirà se sono state superate.

Sempre in testa. Nonostante i riscontri non brillanti dello scorso weekend, la classifica di campionato vede sempre al comando Robert Shwartzman, a quota 81 punti, otto in più di Callum Ilott, secondo. Il pilota inglese è stato tra i protagonisti dello scorso fine settimana, ma a compromettere il bilancio del weekend è stato un problema al via del giro di schieramento della Feature Race, che lo ha costretto a prendere il via dalla pit-lane. Una brillante rimonta lo ha poi visto conquistare la quinta posizione, mentre nella Sprint Race ha perso il controllo della monoposto quando occupava la seconda piazza.

Potenziale. “Il potenziale confermato da Callum non gli avrebbe precluso alcun risultato in entrambe le gare – ha confermato il responsabile dell'area tecnica di FDA, Marco Matassa – il passo è stato molto competitivo, ma serve anche mettere tutto insieme per arrivare a centrare l’obiettivo, e qualcosa è mancato. Il prossimo weekend sarà un’importante verifica per tutti i nostri piloti. Robert spera di poter affrontare un fine settimana diverso ad iniziare dalla qualifica, cruciale a Silverstone; Mick dovrà lavorare insieme al team sulla gestione degli pneumatici e in generale tutti i più giovani avranno l’opportunità per familiarizzare sempre più con le curve ad alta velocità di Silverstone, un aspetto importante soprattutto per i piloti che stanno disputando la loro prima stagione nella categoria”.

Riscatto. Per Mick Schumacher (terzo in qualifica lo scorso weekend e a lungo leader nella Feature Race prima di essere rallentato dal forte degrado delle gomme), Marcus Armstrong e Giuliano Alesi, il secondo appuntamento di Silverstone sarà un’importante opportunità per confermare dei passi avanti in vista anche dei prossimi appuntamenti stagionali. Il calendario del campionato non prevede lunghi periodi per tirare il fiato, con ben cinque tappe nei prossimi sei fine settimana.