Corse

Nella quarta parte della nostra serie Eroi sconosciuti facciamo un salto indietro nel 1951, anno che segna l’inizio dei successi della Scuderia, con il primo vincitore in assoluto di una gara del Campionato del Mondo di Formula 1 per Ferrari
Testo – Gavin Green

José Froilán González non è il pilota più famoso o di successo tra quelli delle Rosse di Formula 1.

Eppure ha guidato la sua Ferrari 375 alla vittoria probabilmente più bella e importante nei 71 anni di storia del team di F1.
Il 14 luglio 1951 in occasione del Gran Premio di Gran Bretagna di Silverstone, l’imponente pilota argentino regalò al giovane team di Enzo Ferrari la sua prima vittoria in assoluto nel Campionato del Mondo di F1. González partì dalla pole – la prima per lui e per Ferrari. Con il suo caratteristico stile di guida – braccia larghe e parte della sua notevole mole fuori dall’abitacolo – è noto per aver combattuto e battuto il campione in carica Nino Farina e l’uomo che avrebbe vinto il titolo nel 1951, Juan-Manuel Fangio, entrambi alla guida dell’Alfa Romeo. Tagliò il traguardo vittorioso con oltre 50 secondi di margine.

José Froilán González (a destra) fu il primo pilota Ferrari a vincere una gara del Campionato di Formula 1, il Gran Premio di Gran Bretagna del 14 luglio 1951

Questa gara rappresenta uno spartiacque per la Formula 1, ma anche per Ferrari. È stata la prima gara di F1 dall’inaugurazione del Campionato del Mondo nel 1950 a non essere vinta dall’Alfa. Ferrari avrebbe dominato per il resto della stagione del 1951. (Il compagno di squadra di González, Alberto Ascari, vinse sia al Nürburgring sia a Monza). La stagione seguente Ascari fu incoronato Campione del Mondo, con la Ferrari che vinse tutte le gare. Quello della Casa di Maranello sarebbe diventato il team di F1 di maggior successo al mondo.

Il mercoledì dopo il trionfo al primo Gran Premio, González fu invitato a Maranello per incontrare Enzo Ferrari. Il pilota argentino fu sorpreso di quanto la vittoria fosse importante per il Vecchio. Firmò una fotografia che commemorava la sua vittoria e che fu debitamente collocata dietro la scrivania di Enzo Ferrari. Gli fu regalato un orologio d’oro con un Cavallino Rampante sul quadrante. González avrebbe poi ricordato come il Vecchio volesse conoscere “ogni minimo dettaglio della gara”.

Con una corporatura robusta immediatamente riconoscibile, José Froilán González (detto “Il Toro della Pampa”) porta la sua Ferrari 375 alla vittoria nel Gran Premio di Gran Bretagna del 1951

Nato a Buenos Aires, González fu notato dal suo collega argentino Fangio e iniziò a gareggiare presto in Europa con il supporto dell’Automobile Club Argentino. Debuttò in F1 al Gran Premio di Monaco del 1950, qualificandosi terzo alla guida di una Maserati. Enzo Ferrari fu particolarmente colpito e firmò un contratto per la stagione del 1951 con questo corpulento pilota di 29 anni. Conosciuto come “Il Toro della Pampa”, sia per il suo stile di guida aggressivo che per il suo fisico – e chiamato affettuosamente dai suoi compagni anche “El Cabezón” (per le dimensioni del suo capo) – González ottenne rapidamente grandi risultati al volante di una Ferrari: si piazzò secondo nella sua prima gara con la Scuderia (il GP di Francia), vinse la sua seconda gara (il GP di Gran Bretagna) e finì sul podio nelle ultime tre gare della stagione, compreso il secondo posto a Monza dietro il compagno di squadra Ascari. Si classificò terzo nel Campionato del Mondo Piloti del 1951.

Anche il 1954 fu per lui un altro anno memorabile insieme a Ferrari. Vinse di nuovo il Gran Premio di Gran Bretagna e arrivò secondo nel Campionato del Mondo Piloti di quell’anno dietro al suo connazionale Fangio. Lo stesso anno vinse a Le Mans al volante di una Ferrari 375 Plus. Il suo ultimo GP, sempre per Ferrari, fu il Gran Premio d’Argentina del 1960. Si ritirò poi dalle corse per gestire un’attività di vendita di automobili in Argentina.

Accanto a Eddie Irvine (a sinistra) e Michael Schumacher (a destra), José Froilán González in una foto del 1998, in occasione dell’inaugurazione di una concessionaria Ferrari in Argentina. Il 4 marzo 1999 González e un gruppo di proprietari e appassionati hanno fondato il Ferrari Club Argentino

Nel 2011 Fernando Alonso ha guidato l’auto di González che vinse a Silverstone nel 1951 per commemorare il 60° anniversario della prima vittoria della Casa di Maranello. Più tardi quel giorno Alonso vinse il GP di Gran Bretagna per la Scuderia – la 216° vittoria in un GP del Campionato del Mondo per Ferrari. (All’inizio della stagione 2021 il totale era di 238).

González aveva 88 anni quando Alonso guidò a Silverstone ed era uno dei pochi sopravvissuti della F1 degli anni Cinquanta, il decennio più pericoloso nella storia dell’automobilismo. Morì due anni dopo, nel 2013, all’età di 90 anni.

Man mano che il successo della Ferrari cresceva, cresceva anche l’orgoglio di González per aver vinto il primo Gran Premio per la Casa di Maranello. Nessuno poteva saperlo, ma a Silverstone nel 1951 questo umile pilota argentino aveva scritto il primo capitolo della storia di maggior successo nelle corse di F1.