Auto

Una coppia di nuovi ed esclusivi modelli V12 uniti da un DNA condiviso, che coniuga il motore per auto da strada più potente della storia di Ferrari con tecnologie aerodinamiche e di guida all’avanguardia
Di Ben Pulman

FERRARI SVELA DUE NUOVE SERIE SPECIALI IN EDIZIONE LIMITATA.

La 812 Competizione e la 812 Competizione A, in una spettacolare versione Targa, regalano il massimo delle prestazioni, senza compromessi.
Tra i numerosi punti forti, un V12 in grado di erogare un livello di potenza inedito per un propulsore stradale Ferrari, in combinazione con il regime più alto di qualsiasi modello da strada del Cavallino Rampante. I dati record di 830 CV e 9.500 giri/minuto del V12 da 6,5 litri assicurano prestazioni eccezionali e una potenza intensa a cui si accompagnano una risposta straordinaria e un sound inimitabile.

Per raggiungere questi risultati, il motore aspirato naturalmente da 830 CV è stato sottoposto a notevoli modifiche per montare bielle in titanio, un albero motore più leggero, una batteria agli ioni di litio e un nuovo sistema di camme ripreso dall’esperienza Ferrari in F1.

Al condotto d’aria singolo della 812 Competizione si affiancano due prese d’aria in fibra di carbonio per il raffreddamento dei freni. L’efficienza di raffreddamento dei liquidi del motore è stata migliorata del 10%, riducendo al contempo la temperatura di esercizio dei freni di circa 30°C

Le performance del motore sono accompagnate da un nuovo impianto di scarico che lavora in sinergia con l’impianto di aspirazione per produrre un sound entusiasmante e inconfondibile. I tempi di cambiata sono stati ridotti del 5% per la trasmissione a doppia frizione e sette rapporti, con cambi resi ancora più intensi grazie ai 500 giri/min extra al regime massimo consentito dal V12.

Mentre la potenza è aumentata, il peso è stato ridotto per un totale di 38 kg. Obiettivo centrato grazie al largo impiego della fibra di carbonio negli esterni, in particolare per paraurti anteriore e posteriore, spoiler posteriore e prese d’aria, nonché negli interni con modifiche ai dettagli tra cui l’uso di tessuti tecnici leggeri e una riduzione dell’insonorizzazione.

Anche i cerchi – in alluminio forgiato leggero e dai montanti in titanio – contribuiscono a ridurre ulteriormente la massa, senza dimenticare il serbatoio dell’olio motore che permette di risparmiare 1 kg.
Il progetto aerodinamico è altrettanto impressionante, con un significativo aumento della deportanza. L’efficienza di raffreddamento è stata contemporaneamente migliorata del 10% senza aumentare le dimensioni e il peso delle masse radianti.

Nel frontale di entrambe le auto, l’uscita dell’aria calda è stata migliorata sfruttando le prese d’aria sul cofano presenti su entrambi i lati della “lama” centrale in fibra di carbonio.

Il concept di raffreddamento dell’impianto frenante è stato rivoluzionato completamente, ruotando intorno alle nuove pinze anteriori “Aero”, che hanno fatto il loro debutto sulla SF90 Stradale con una presa d’aria integrata.

Il posteriore della 812 Competizione è l’espressione delle prestazioni aerodinamiche estreme, con generatori di vortici, uno spoiler a tutta larghezza e il diffusore, senza dimenticare i terminali riposizionati per ottenere un ulteriore carico aerodinamico mutuati dall’esperienza in F1

Il diffusore posteriore si estende per l’intera larghezza della vettura, così come lo spoiler che si presenta anche più alto. Questi due elementi lavorano in sinergia per generare il massimo carico aerodinamico possibile sull’asse posteriore.

Il riposizionamento del terminale di scarico apre la possibilità di introdurre una soluzione tipicamente adottata dalle vetture di F1 nell’ultimo decennio: l’interazione dinamica tra gas di scarico e area del diffusore. Con questa configurazione, il flusso caldo del gas che fuoriesce dai terminali di scarico energizza infatti il flusso “freddo” proveniente dal diffusore, garantendo un ulteriore carico aerodinamico.

Nell’esclusivo lunotto posteriore della 812 Competizione sono incastonate tre coppie di generatori di vortici. Parte del flusso d’aria viene deviato verso i lati dello spoiler, studiato per aumentare il carico aerodinamico.
Per sfruttare appieno le prestazioni del motore aggiuntivo e quelle aerodinamiche, la 812 Competizione debutta con molti componenti innovativi e può ora contare per la prima volta su un sistema a quattro ruote sterzanti indipendenti e sull’evoluzione del sistema Side Slip Control (SSC) alla versione 7.0, oltre che sullo sviluppo di nuovi pneumatici Michelin Cup2R su misura.

Il sistema per le ruote posteriori sterzanti indipendenti prevede un nuova gestione elettronica che consente agli attuatori destro e sinistro di essere azionati singolarmente anziché sincronizzati, garantendo un’agilità e una precisione in ingresso curva eccezionali.

L’intaglio trasversale sul cofano, in cui si inserisce la lama in fibra di carbonio, offre una soluzione innovativa per dissimulare gli sfoghi d’aria del vano motore, aumentandone la superficie attiva

Derivato dalla 812 Superfast, il nuovo duo è dedicato ad un gruppo estremamente esclusivo di collezionisti e appassionati che potranno sperimentare gli innovativi concetti tecnologici applicati al motore, alla dinamica del veicolo e all’aerodinamica.

Un duo che porta quindi avanti la tradizione dei loro predecessori della Serie Speciali V12 e delle esclusive F12tdf e 599 GTO, ma con performance superiori per raggiungere nuovi traguardi.