Ferrari
Channel logo

Svelata a Reggio Emilia la SF1000

Reggio Emilia 11 February 2020

È la sessantaseiesima monoposto costruita dalla Scuderia per la Formula 1

Si chiama SF1000 e nel suo nome porta la ricorrenza che la Scuderia Ferrari raggiungerà quest’anno, quando diventerà la prima squadra della storia a raggiungere la soglia dei 1000 GP di Formula 1 disputati proprio nell’anno in cui la massima categoria automobilistica compie 70 anni. La SF1000, costruita interamente a Maranello, è stata presentata presso il Teatro Municipale Romolo Valli di Reggio Emilia in una serata di gala che ha celebrato l’italianità del marchio in una cornice che ha riunito altri valori del nostro paese: la bandiera tricolore, l’arte, l’architettura e la musica.

La serata si è aperta con un flashmob sulle note delle musiche originali composte appositamente per questo evento dal Maestro Leonardo De Amicis, suonate dell’orchestra dell’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne' Monti “Achille Peri - Claudio Merulo” diretta da Sebastian De Amicis, e con una performance del DJ Benny Benassi. Al termine di questa prima parte a prendere la parola è stato l’Amministratore Delegato, Louis Camilleri, che ha voluto ringraziare i presenti, le istituzioni cittadine, i partner e tutte le persone che con il proprio lavoro contribuiscono a portare la Ferrari sulle piste di tutto il mondo.

A introdurre lo svelamento della vettura è stato il Team Principal e Managing Director della Scuderia, Mattia Binotto, che ha voluto citare il fondatore Enzo Ferrari per raccontare l’emozione che da sempre è connessa alla Casa di Maranello: “Date a un bambino un foglio di carta, dei colori e chiedetegli di disegnare un’automobile, sicuramente la farà rossa”. Passione, dunque, ma anche innovazione, ricerca, squadra e voglia di misurarsi, valori che sono alla base di #essereFerrari, l’hashtag che è stato coniato lo scorso anno e identifica i valori che animano le persone della Scuderia.

Una volta che la SF1000 è stata svelata sul palco, il Team Principal ha chiamato a fianco a sé i due piloti titolari Sebastian Vettel e Charles Leclerc che si sono detti impazienti di mettersi al volante. Per farlo il tedesco e il monegasco non dovranno aspettare molto dal momento che la vettura scenderà in pista per la prima volta in veste ufficiale mercoledì 19 febbraio nella giornata inaugurale del primo test pre-stagionale in programma sulla pista di Barcelona-Catalunya.

Prima della foto di gruppo conclusiva, per la quale è salito sul palco anche il Vicepresidente Piero Ferrari, è intervenuto il Presidente, John Elkann, che ha sottolineato ancora una volta il legame del Cavallino Rampante con l’Italia: “Siamo orgogliosi di rappresentare l’Italia nel mondo. Nonostante Ferrari abbia vinto ben 238 gare sulle 991 della storia della Formula 1, la nostra sete di vittorie è più viva che mai. Nel prossimo campionato la competizione continuerà a essere molto dura, ma questo sprona tutto il team a fare sempre meglio e sempre di più. Ci distingue lo straordinario lavoro collettivo di tutta la Gestione Sportiva di Ferrari, in pista e fuori. Questa è la nostra forza”.

La SF1000 (sigla di progetto 671) è la sessantaseiesima monoposto realizzata dalla Ferrari per il campionato del mondo di Formula 1. Nonostante il regolamento tecnico differisca solo in minima parte da quello 2019, la vettura è stata profondamente rivista rispetto alla SF90 per ottimizzarne il carico aerodinamico e il bilanciamento.

Per la stagione 2020, la Power Unit Ferrari 065 ha compiuto un ulteriore passo in avanti nel miglioramento dell’efficienza del processo di combustione del motore termico, grazie a una evoluzione di progetto e un nuovo combustibile. Il turbocompressore e il sistema di recupero di energia sono stati inoltre sviluppati al fine di ottimizzare la prestazione della Power Unit nel suo complesso. In coerenza con il progetto della vettura 671, il layout della nuova unità è maggiormente compatto e beneficia di una ulteriore razionalizzazione degli ingombri motore e pacco batteria.

La SF1000 è la settima vettura della generazione ibrida della Formula 1 iniziata nel 2014. Il suo nome è un tributo al traguardo dei 1000 Gran Premi disputati dalla Scuderia, un traguardo che verrà raggiunto alla nona gara del campionato. La Ferrari ha debuttato in Formula 1 il 21 maggio 1950 a Monaco, nel secondo Gran Premio della storia. La squadra di Maranello ha vinto più di chiunque altro in Formula 1: 16 titoli costruttori, 15 piloti e 238 Gran Premi.

SCOPRILA ORA


Dati tecnici

Telaio in materiale composito a nido d’ape in fibra di carbonio con protezione halo per l’abitacolo.

Cambio longitudinale Ferrari a 8 marce più retro. 

Comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico con cambiata veloce.

Differenziale autobloccante a controllo idraulico.

Freni a disco auto ventilanti in carbonio Brembo (anteriore e posteriore) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori.

Sospensioni anteriori a puntone (schema push-rod). Sospensioni posteriori a tirante (schema pull-rod).


Motore

Cilindrata 1600cc

Giri massimi 15000

Sovralimentazione Turbo singolo

Portata benzina 100 kg/hr max

Quantità benzina per gara 110 kg

Configurazione V6 90°

Alesaggio 80 mm

Corsa 53 mm

Valvole 4 per cilindro

Iniezione Diretta, max 500 bar


Sistema ERS

Energia batteria 4 MJ

Potenza MGU-K 120 kW

Giri max MGU-K 50.000

Giri max MGU-H 125.000