Passione

A 116 anni dalla prima Targa Florio, Ferrari celebra questa corsa iconica con tre giorni di guida sulle strade siciliane
Testo: Tim Bradley
Saranno anche passati 45 anni dall’ultima Targa Florio, la famigerata corsa attraverso la Sicilia che si era svolta ogni anno dal 1906, ma non per questo è finita la storia d’amore di Ferrari con l’evento.

 

Per molti decenni, auto da corsa scoperte ad alta potenza come la Ferrari 166 S con motore V12 si sono cimentate su tre percorsi circolari e 446 km caratterizzati da rapidissimi dislivelli di oltre mille metri, con cambiamenti regolari delle condizioni climatiche e la necessità di un livello di abilità alla guida senza precedenti. 

Splendide Ferrari da tutto il mondo si sono riunite per cimentarsi nella lunga e famigerata Targa Florio, comprese le prove cronometrate e i percorsi del tracciato originale

I coraggiosi piloti affrontavano insidiosi tornanti di montagna a velocità spaventose per l’epoca. Quando la gara fu definitivamente annullata dopo essere stata etichettata come “folle”, la velocità media di percorrenza era salita a oltre 120 km/h.


Anche quest’anno si è svolto a Palermo un tributo del Cavallino Rampante alla Targa: vetture Ferrari di tutto il mondo si sono riunite per tre giorni di guida che hanno segnato la fine dei festeggiamenti.

Il percorso di oltre 500 km su tre giorni, ha attraversato passi di montagna e fitte foreste, con partenza e arrivo a Palermo

Nel corso delle tre tappe, i piloti hanno disputato prove cronometrate e prove a velocità media, con partenza e arrivo a Palermo e un percorso totale di 567 km intorno alla Sicilia - con un pilota e un navigatore per ogni equipaggio.

Alla manifestazione ha partecipato una serie incredibile di modelli e piloti Ferrari provenienti da tutto il mondo, con splendidi esemplari tra cui una Monza SP2, una SF90 Stradale, diverse 812 Superfast e una classica F355 GTS.




Alcuni degli incredibili modelli in una vasta gamma di colori includevano una F355, una F12tdf, una Monza SP2 e alcune SF90 Stradale

In un susseguirsi di colori vivaci e con il sottofondo emozionante del sound dei motori aspirati, il corteo si è snodato attraverso città e paesini pittoreschi tra cui Villarosa, Caltavuturo e Marianopoli.

 

Anche se le velocità non erano paragonabili a quelle di Juan Manuel Fangio, che partecipò alla Targa Florio in passato, lo spirito della gara è sempre vivo.