Logo Content

    Per qualche millesimo in più

    Suzuka 08 ottobre 2022

    Dieci e cinquantasette millesimi: questi i ridottissimi distacchi che hanno separato i due piloti della Scuderia Ferrari dalla pole position sul circuito di Suzuka. Charles Leclerc e Carlos Sainz scatteranno dunque dalla seconda e terza posizione nel Gran Premio del Giappone che prenderà il via domani alle 14 locali (7 CET). Al fianco del monegasco ci sarà Max Verstappen, mentre vicino a Sainz si schiererà Sergio Perez.

    Lucidità. Squadra e piloti hanno gestito al meglio tutte le sessioni della qualifica riuscendo, in Q2, a salvare anche un treno di gomme Soft ciascuno in vista della gara. Entrambi i piloti hanno infatti fatto segnare un ottimo tempo con delle Soft usate e insieme agli ingegneri hanno deciso di non tornare più in pista fiduciosi di passare il turno. La previsione si è confermata azzeccata e così facendo Charles e Carlos potranno contare su un vantaggio importante su un circuito particolarmente esigente con le gomme.

    Q3. Nell’ultima fase entrambi i ferraristi hanno potuto disporre di due set di gomme Soft nuove. Al primo tentativo i due hanno ottenuto il secondo e il terzo tempo dietro a Verstappen. Al secondo sia Charles che Carlos si sono migliorati andando a sfiorare la pole. Il monegasco ha fermato i cronometri a 1’29”314, mentre lo spagnolo è sceso fino a 1’29”361.

    Gara aperta. Dopo il venerdì bagnato, la terza sessione di prove libere è stata l’unica utile a preparare le vetture per l’asciutto. Nessuno però è stato in grado di lavorare più di tanto con alto carico di carburante e sono quindi molte le incognite in vista di domani. Tra queste anche il meteo: la gara dovrebbe prendere il via in condizioni di asciutto, ma la pioggia potrebbe arrivare dopo un’ora dalla partenza, rimescolando i valori in campo. Occorrerà la massima lucidità da parte di squadra e piloti.

     

    Charles Leclerc #16

    In vettura oggi mi sentivo bene e guidare su questa pista è sempre fantastico, specie nel primo settore perché c’è tanto grip. A Suzuka il giro è molto veloce ma se spingi troppo nel tratto iniziale poi rischi di essere più lento nell’ultimo a causa del surriscaldamento delle gomme.
    Prevedo una gara interessante: sarà una grande sfida per tutti, perché bisognerà essere perfetti nell’azzeccare tutte le chiamate, specie con l’incognita meteo.

     

    Carlos Sainz #55

    Il mio secondo giro in Q3 è stato buono, specie fino all’ultima chicane quando una piccola sbandata in uscita mi è costata qualche millesimo di troppo. Una volta ancora è frustrante, ma non smettiamo di spingere al massimo. In generale la vettura oggi è stata buona e mi sono sentito a mio agio in termini di bilanciamento per tutto il weekend.
    Per domani non sappiamo bene quali condizioni meteo ci aspettano, ma il nostro obiettivo è rimanere nelle posizioni di vertice. Daremo il massimo dal primo all’ultimo giro, fino alla bandiera a scacchi.

     

    Laurent Mekies, Racing Director

    È stata una sessione serratissima, in cui abbiamo visto la pole sfumare per appena un centesimo con Charles e per mezzo decimo con Carlos. È un peccato perché sappiamo quanto sia importante a Suzuka, ma ci sono molti aspetti positivi di questo sabato nel quale siamo stati molto competitivi con entrambi i piloti. Possiamo infatti dire che Charles e Carlos, su una pista che propone tutte le tipologie di curve e che la dice lunga sulle qualità delle vetture, hanno girato in una categoria a parte insieme al solo Max Verstappen.
    Per questa ragione possiamo essere soddisfatti della prestazione espressa dalla F1-75 che ci ha anche permesso, in Q2, di salvare un treno di gomme Soft per la gara con ciascun pilota. Questo sabato ci dice che il lavoro fatto a Maranello negli scorsi mesi sta dando i suoi frutti e quindi un grande grazie va a tutte le persone che lavorano in fabbrica ogni giorno.
    Ieri la pista era completamente bagnata così oggi sull’asciutto abbiamo dovuto cominciare da zero. Entrambi i piloti hanno lavorato alla perfezione con il team e sono riusciti a entrare in sintonia con la pista iniziando a ottenere tempi solidi e migliorando progressivamente di sessione in sessione fino al Q3.
    La gara sarà molto lunga con tanti aspetti che potranno giocare un ruolo, a cominciare dalle condizione meteo. Questa sera ci riuniremo per analizzare tutti i dati e preparare i possibili scenari. Max sarà come sempre fortissimo ma noi faremo di tutto per dargli del filo da torcere fin dal primo giro.