Logo Content

    Formula 3  Oliver Bearman chiude una stagione da leone con un bis di secondi a Monza

    Monza 11 settembre 2022

    Il diciassettenne britannico è stato grande protagonista nell’ultimo appuntamento della stagione, chiudendo il campionato al terzo posto assoluto. Punti e sesta posizione finale per Arthur Leclerc.

    Il fine settimana di Monza ha concluso la stagione 2022 del campionato FIA Formula 3. È stato un weekend intenso per i portacolori della Ferrari Driver Academy e in particolare per Oliver Bearman, autore di due entusiasmanti rimonte concluse in seconda posizione. Il bottino monzese ha consentito al diciassettenne pilota della Ferrari Driver Academy di concludere la sua stagione d’esordio nella categoria al terzo posto assoluto con 132 punti, staccato di sole sette lunghezze dal vincitore Victor Martins. È stato più sofferto il fine settimana di Arthur Leclerc. Sia nella Sprint che nella Feature Race il monegasco è stato coinvolto in fasi di gara concitate, che non gli hanno consentito di esprimere tutto il suo potenziale, ma a pista libera è riuscito nel finale a guadagnare posizioni. Leclerc ha concluso il weekend di Monza con un ottavo e un quinto posto, confermandosi sesto nella classifica finale di campionato con 114 punti.

    Qualifica. Il weekend di Monza è entrato nel vivo con una sessione di qualifica interrotta dalla bandiera rossa a 15 minuti dal termine. Il traffico dovuto alle trenta monoposto presenti in pista e la ricerca delle scie, un classico del circuito italiano, ha resto il turno molto difficile. Leclerc è riuscito a ottenere un buon quinto tempo, precedendo Bearman di una posizione.

    Sprint Race. In virtù dei risultati ottenuti in qualifica, Oliver e Arthur hanno preso il via della prima gara del weekend rispettivamente dalla settima e ottava posizione. Bearman è stato autore di un’ottima partenza, che gli ha consentito nell’arco di tre giri di salire in quinta posizione, mentre Leclerc nel caos del primo giro è sfilato tredicesimo, complice un contatto con Martins. Dopo tre tornate percorse in regime di Safety Car, la corsa è ripresa con “Ollie” che ha subito messo pressione agli avversari che lo precedevano. Dopo essere salito in quarta posizione, a due giri dal termine ha passato con una staccata alla Prima Variante sia Caio Collet che Jonny Edgar, lanciandosi all’inseguimento del leader Franco Colapinto. “Mi stavo preparando per l’attacco alla prima posizione – ha spiegato dopo la corsa Oliver – ma a causa di un segnale radio disturbato non ho sentito che era l’ultimo giro di gara, e mi sono ritrovato sotto la bandiera a scacchi proprio quando pensavo di poter sferrare l’attacco. Ma è stata comunque una bella corsa”. Anche Leclerc ha recuperato posizioni, terminando all’ottavo posto. “Peccato per quanto accaduto con Martins – ha spiegato Arthur – dopo la toccata per qualche giro la monoposto non mi è sembrata perfetta, poi nella seconda metà della corsa fortunatamente ho ripreso il mio ritmo, riuscendo a raggiungere la zona punti”.

    Feature Race. Leclerc e Bearman hanno preso il via dell’ultima gara del weekend e della stagione rispettivamente dalla quinta e sesta posizione. Subito dopo il via la direzione gara ha chiamato in pista la Safety Car a causa di un contatto tra più monoposto avvenuto a Lesmo, con i due piloti FDA che sono sfilati a posizioni invertite rispetto alla partenza a causa di un lungo di Leclerc alla Prima Variante. La corsa è ripresa al termine del giro 3, e sia Arthur che Oliver hanno iniziato a recuperare terreno. Bearman è passato terzo al decimo passaggio, passando poi il leader del campionato Martins due giri dopo, mentre Leclerc ha perso posizioni in bagarre riuscendo però a risalire fino al sesto posto a sei giri dalla bandiera a scacchi. La tornata successiva la corsa è stata interrotta in regime di bandiera rossa a causa di un violento incidente avvenuto alla seconda curva di Lesmo. I danni alle barriere hanno costretto la direzione gara a dichiarare conclusa la gara, con un giallo finale legato alle penalità per track-limit che sono stati inflitte a diversi piloti quando erano già scesi dalle monoposto. La classifica finale ha confermato Berman in seconda posizione e Leclerc in quinta.