Logo Content

    Le voci dei piloti di Gara 2 a Imola

    Imola 30 ottobre 2022

    Un’altra giornata intensa ha emesso i propri verdetti sul tracciato di Imola, dove nelle serie Europe e North America, giunte all’atto finale, sono stati emessi gli ultimi verdetti con l’assegnazione dei titoli vacanti e la definizione della classifica. Nell’Asia Pacific è continuata la lotta nel campionato che ha vissuto il proprio quarto round. La tensione comincia a farsi sentire e la concentrazione di molti piloti è ormai proiettata alle Finali Mondiali di domenica mattina.

    Eliseo Donno vincitore Trofeo Pirelli Am Europe: “E’ stata una bella gara, anche perché è stata difficile a causa delle ripartenze della Safety Car. Sono riuscito a partire molto bene e così abbiamo preso il comando della corsa per poi mantenerlo fino alla fine”.

    Doriane Pin, seconda classificata Trofeo Pirelli Europe: “La mia gara di oggi è cominciata dalla terza fila, non una buona posizione ma, nel primo giro, ho subito rimontato passando direttamente dal quarto al secondo, per poi di nuovo scendere al quinto. Stavo recuperando e mantenendo un buon ritmo quando è intervenuta la Safety Car. Fare una seconda partenza non è mai facile, soprattutto se non si è in testa. Mi ritengo comunque soddisfatta del mio secondo posto ed ora mi concentrerò per domani”.

    Thomas Neubauer, terzo classificato, Trofeo Pirelli Europe: “Ho concluso in terza posizione e non mi ritengo molto soddisfatto per questo. Comunque sia andata oggi, la Finale Mondiale è domani e, che si vinca o che si abbiano dei problemi, saremo sicuramente presenti”.

    Marco Pulcini vincitore Trofeo Pirelli Am Europe: “Per me ogni corsa è ancora molto difficile e così anche questa: dopo l’incidente che mi ha visto protagonista è stato parecchio difficile lasciarsi tutto alle spalle e tornare ad avere la mente libera. Per raggiungere questo obiettivo ho lavorato duramente quest’anno. Detto questo: non sono soddisfatto al 100% del ritmo che ho tenuto oggi, però ci portiamo a casa la vittoria, e proprio da questo trionfo dobbiamo ripartire per migliorarci ancora”.

    Christian Brunsborg, secondo classificato Trofeo Pirelli Am Europe: “Beh, è ovvio che quando scendi in pista l’obiettivo è sempre il primo posto. Però, al di là di questo, sono abbastanza soddisfatto: sono stato un po’ fortunato nella parte finale della gara, ma alla fine sono contento del risultato che ho ottenuto”.

    Hanno Laskowski, terzo classificato Trofeo Pirelli Am Europe: “Dopo la gara di ieri, che è stata veramente dura soprattutto nelle battute finali, sono molto più che soddisfatto di aver conquistato oggi il podio”.

    Franz Engstler, vincitore Coppa Shell Europe: “E’ stata una stagione davvero incredibile, tutto il mio staff ha svolto un lavoro perfetto: non abbiamo mai avuto un solo problema tecnico alla vettura, abbiamo conquistato tantissime vittorie e tantissime pole position; di certo non mi aspettavo di vivere un anno così quando sono approdato al Ferrari Challenge. Per me è un piacere enorme far parte di questa serie, è un campionato straordinario e voglio davvero ringraziare di cuore tutti per avermi accolto in questa famiglia”.

    Ernst Kirchmayr, secondo classificato Coppa Shell Europe: “La partenza è stata davvero complicata, tutti hanno iniziato a guidare con molta ‘passione’ e fortunatamente non si sono verificati incidenti. Sono molto contento di questo podio: quest’anno la competizione era molto intensa e il livello dei piloti molto elevato; quindi, ogni podio rappresenta una grande conquista e un momento indimenticabile”.

    Axel Sartingen, terzo classificato Coppa Shell Europe: “La partenza è stata molto pulita. Partivo dalla terza posizione e avevo preventivato di buttarmi alle spalle di Franz (Engstler) subito dopo lo start, ma Ernst (Kirchmayr) intelligentemente mi si è parato subito davanti impedendomelo. A quel punto mi sono accontentato di mantenere il terzo posto in modo da mettere in cassaforte la seconda posizione in campionato: ho lasciato che Ernst restasse davanti a me e mi sono dedicato a tenere a bada gli avversari dietro di me. Fortunatamente nessuno ha tentato di attaccarmi, certo a volte qualcuno si avvicinava pericolosamente ma la vettura e le gomme hanno mantenuto un’ottima prestazione per tutta la gara quindi è stato facile gestire il vantaggio. Alla fine ho chiuso terzo in gara e secondo in campionato e mi va benissimo così. Domani è in programma un’altra gara e vi prometto un po’ più di grinta e attacchi!”.

    Peter Christensen, vincitore Coppa Shell Am Europe: “E’ davvero un bel weekend e quella di oggi è stata una bella gara: ho guidato in modo pulito e ho mantenuto un buon ritmo per tutto il tempo. Sinceramente dopo le qualifiche di questa mattina, che non sono andate benissimo, non mi sarei mai aspettato di ottenere questo risultato: però ho dato il massimo ed è arrivata la vittoria”.

    Alexander Nussbaumer, secondo classificato Coppa Shell Am Europe: “La gara è andata bene anche se è stata lunga e impegnativa. Ho conteso la posizione a Peter Christensen ma non sono riuscito ad essere abbastanza veloce per superarlo. Sono comunque molto felice per questo secondo posto”.

    Martinus Richter, terzo classificato Coppa Shell Am Europe: “Oggi sono partito dalla sesta posizione perché le qualifiche non sono andate bene. La partenza è stata buona permettendomi subito di avanzare e, quando ho raggiunto un ritmo tale per cui potevo smettere di difendere la mia posizione dalle vetture che avevo alle spalle, sono riuscito a superare il pilota che avevo di fronte, andando a conquistare il terzo gradino del podio. Il circuito è fantastico e ringrazio Ferrari per averlo scelto”.

    Manny Franco, vincitore Trofeo Pirelli North America: “È stata una gara eccitante, mi sono divertito tantissimo. Bisogna avere i nervi saldi quando hai due avversari che lottano per il titolo e uno dei due è proprio dietro di te: a quel punto speri che tutto continui a funzionare per il meglio, non sai quello sta accadendo alle tue spalle e cerchi di concentrarti sul tuo lavoro. Ho dato il massimo per conquistare la vittoria, il resto è storia, adesso almeno”.

    Jason Mccarthy, secondo classificato Trofeo Pirelli North America: “È stata una grande gara, molto divertente. Il mio obiettivo era quello di collezionare più punti possibili per il campionato dal momento che partivo secondo nella classifica generale. Per questo motivo ho spinto molto per tutta la gara: purtroppo a un certo punto ho spinto troppo all’uscita e mi sono dovuto accontentare del secondo posto. E così ho dovuto rinunciare anche al campionato”.

    Matt Kurzejewski, terzo classificato Trofeo Pirelli North America: “Oggi è andata molto meglio di venerdì, infatti ieri mi ero classificato terzo in qualifica, però poi in gara la vettura ha accusato problemi al cambio. Oggi invece l’auto è andata molto bene e sono riuscito a conquistare il podio. Questa è stata la mia prima stagione nel Ferrari Challenge e sono deciso a continuare anche il prossimo anno perché è davvero emozionante, incredibile. Ora pensiamo a domani alle Finali Mondiali”.

    Dylan Medler, vincitore Trofeo Pirelli Am North America: “Sono davvero felicissimo di essere qui in Italia e sono felicissimo di aver conquistato la vittoria! È una soddisfazione per me e per tutto il team. È stata una gara molto complicata dall’inizio alla fine, però ho dato il meglio di me e ora sono al settimo cielo!”.

    Aaron Weiss, secondo classificato Trofeo Pirelli Am North America: “Oggi è stata una giornata fantastica, per tutta la gara ho tenuto la testa bassa pensando solo di correre nel modo più lineare possibile in questo circuito stupendo. Faccio le mie congratulazioni a Dave Musial Jr che, data la stagione per lui impegnativa, oggi mi ha meritevolmente battuto conquistando il gradino più alto del podio. Ovviamente, sono molto felice anche per il mio secondo posto”.

    Dave Musial Jr, terzo classificato Trofeo Pirelli Am North America: “Adoro questo circuito e la gara di oggi è stata molto impegnativa a causa di alcuni incidenti. Ho abbassato la testa e mi sono semplicemente concentrato ad andare avanti e concludere la corsa nel miglior modo possibile, senza prestare attenzione a quello che stava accadendo intorno”.

    Omar Balkissoon, vincitore Coppa Shell North America: “Che gara incredibile: ho avuto l’occasione di correre su questo circuito leggendario, mi sono divertito tantissimo. Devo ringraziare il mio straordinario team: gli ingegneri e tutti i tecnici che mi hanno insegnato ciò che avrei dovuto fare in pista. Inoltre, è stato stimolante gareggiare con tutti questi piloti così veloci, e cercare di stare al loro passo: non vedo l’ora di rivivere le stesse emozioni il prossimo anno”.

    Michael Petramalo, secondo classificato Coppa Shell North America: “Grande gara oggi. Il focus era solo quello di impegnarsi al massimo per portare a casa i risultati migliori per il team Ferrari of Seattle. Sono felice di condividere il podio con il mio compagno di squadra Yahn Bernier che ha fatto un ottimo lavoro. Le mie congratulazioni anche a Omar Balkissoon che è stato molto veloce. Non c’è modo migliore di trascorrere il weekend: in Italia, correndo sul circuito a Imola a bordo di una Ferrari”.

    Yahn Bernier, terzo classificato Coppa Shell North America: “Gara fantastica. Ho sfruttato qualche piccola opportunità che si è creata durante la corsa e sono anche stato fortunato perché, quando le due vetture davanti a me hanno avuto un contatto, sono prontamente riuscito ad evitarle. Concludere la corsa di oggi non è stato facile dato che negli ultimi giri gli pneumatici cominciavano ad usurarsi ed avevo anche il sole che mi accecava. Ad essere sul podio in Italia si prova una bellissima sensazione”.

    Tony Davis, vincitore Coppa Shell Am North America: “Per me è stata una gara all’insegna della gestione e della tranquillità. Alle qualifiche della mattina infatti avevo conquistato la pole della mia categoria e non volevo rischiare di gettare al vento questo risultato: ero circondato da piloti di classi superiori impegnati a guidare in modi veramente aggressivo, quindi ho preferito starmene tranquillo. Mi sono limitato a tenere il giusto ritmo, restando al sicuro per non perdere la prima posizione: mi sono divertito e ho vinto”.

    Richard Pineda, secondo classificato Coppa Shell Am North America:  “Una gara magnifica, molto competitiva e avvincente. Ma la cosa più importante è comunque il fatto di essere qui a Imola, correre su questo circuito dove è stata scritta la storia: salire sul podio qui, a Imola, è qualcosa di fenomenale”.

    Dan Cornish, terzo classificato Coppa Shell Am North America: “E’ stata una gara grandiosa, ho commesso un errore all’inizio che rischiava di compromettere la gara, ma ho ritrovato la concentrazione e sono tornato a combattere. Grande corsa!”.

    Yudai Uchida, vincitore Trofeo Pirelli Am Asia Pacific: “Alla partenza c’è stata confusione ma fortunatamente sono riuscito a migliorare la posizione. Sono rimasto insieme ai piloti europei, mantenendo il loro ritmo. Sono riuscito a completare una grande gara. Per me Imola è un circuito “sacro” e domani mi divertirò durante le Finali Mondiali”.

    Nobuhiro Imada, secondo classificato Trofeo Pirelli Am Asia Pacific: “Mi sono divertito, ma superare su questo tracciato è molto difficile. Mi dispiace non essere riuscito a migliorare la posizione in classifica. Volevo vincere! Il desiderio per domani è di completare molti sorpassi e di tagliare il traguardo per primo”.

    Kazuyuki Yamaguchi, vincitore Coppa Shell Asia Pacific: “Non sono andato bene durante le qualifiche ma sono riuscito a completare qualche sorpasso. Sono molto contento di aver raggiunto il primo posto. Domani sarà una gara speciale: speriamo vada tutto bene senza incidenti”.

    Eric Cheung, secondo classificato Coppa Shell Asia Pacific: “It was a difficult race for me today as the temperature on track was very high. I have not raced for the last three years so it was also tough for me physically. But I am happy with my results today”.

    Motohiko Isozaki, terzo classificato Coppa Shell Asia Pacific: “Sono stato fortunato. Mi sento un sopravvissuto. Per domani cercherò di fare del mio meglio”.

    Shigeru Kamiue, vincitore Coppa Shell Am Asia Pacific: “È stato dura ma ho fatto bene all’inizio e ho potuto continuare a guidare tranquillamente. Sono molto felice di aver vinto questa gara. Visto che la Finale Mondiale è un evento speciale, voglio correre senza rischi e senza incidenti”.