Logo Content

    I commenti dal podio della 24 Ore di Le Mans

    Le Mans 12 giugno 2022

    I volti, sull’iconico podio francese, sono sorridenti come quelli che si vedono dopo una vittoria, e i due equipaggi che festeggiano il secondo ed il terzo posto in questa gara leggendaria ne hanno ben donde. Pochi avrebbero scommesso, al via della gara, di festeggiare un tale risultato da momento che appariva evidente la disparità di prestazioni tra le Ferrari e le altre vetture della classe LMGTE Pro. Con un po’ di fortuna e il ricorso al grande talento di cui sono dotati piloti e squadra, le due 488 GTE hanno completato ancora una volta questa attesissima 24 ore sul podio. Abbiamo raccolto le voci degli equipaggi numero 51 e 52.

    Alessandro Pier Guidi: "Se all'inizio della gara mi avessero detto che avrei finito in seconda posizione avrei firmato subito. Durante la gara, invece, ci stavo davvero sperando, ma gli altri avevano un passo differente. Abbiamo fatto un grande lavoro, Ferrari e AF Corse sono stati impeccabili durante i pit stop, con la strategia e abbiamo fatto tutto ciò che era nelle nostre possibilità. In ogni caso, con Ferrari e con questo fantastico team negli ultimi quattro anni siamo arrivati due volte secondi e abbiamo vinto due volte, cosa si può volere di più? Gli ultimi minuti sono stati molto belli, quando stai vincendo è diverso naturalmente, ma ci proveremo il prossimo anno." 

    James Calado: “La settimana è stata lunghissima. C’è stata molta pressione per tutto il tempo e tanto lavoro da parte di tutta la squadra. Devo ammettere che questa volta non abbiamo dormito molto. È stata una gara molto dura, in cui è mancato un po' di ritmo rispetto alla Porsche e alla Corvette. Finire in seconda e in terza posizione resta comunque un risultato fantastico per la squadra. Abbiamo guadagnato punti importanti per la classifica di campionato. Abbiamo fatto tutto il possibile per ottenere il massimo. La mia testa sta già pensando alla prossima prova di Monza e non vedo l'ora di scendere in pista”.

    Daniel Serra: “Andare sul podio è sempre una bella sensazione. Penso che siamo riusciti ad ottenere il massimo in termini di performance. Abbiamo ottimizzato tutto ciò che potevamo e finire in seconda posizione è una sorpresa e un buon risultato per noi”.

    Miguel Molina: “Alla fine è andata bene, soprattutto perché siamo saliti sul podio e questo è molto importante. Personalmente sono molto contento per aver completato la corsa in terza posizione qui a Le Mans, e sono felice per la squadra perché avere due vetture sul podio non è un’impresa semplice. Abbiamo lottato dall’inizio alla fine e i ragazzi hanno fatto un lavoro splendido. Speriamo di salire su un gradino più alto del podio la prossima volta che torneremo a gareggiare su questo circuito”.

    Davide Rigon: “È stata davvero una settimana lunga e intensa qui a Le Mans dove è comunque un sogno esserci. Quando siamo partiti non ci aspettavamo di ottenere un podio così bello con un secondo e un terzo posto. È frutto dello straordinario lavoro del team. Ringrazio davvero tutti gli uomini Ferrari che hanno lavorato tanto per arrivare a questo risultato, gli ingegneri e i miei compagni di squadra, Miguel Molina e Antonio Fuoco. Abbiamo fatto del nostro meglio. Nella notte, durante lo stint di Miguel, abbiamo subito un contatto che ci ha fatto perdere terreno e non ci ha permesso di lottare per la vittoria. Siamo andati davvero forte nella parte notturna, meno di giorno, ma ci siamo divertiti molto qui a Le Mans. È straordinario: sono felice e orgoglioso per tutto il team Ferrari”.